LUIGI DI MAIO

Salvini: abuso d'ufficio blocca l'Italia. Di Maio: più lavoro, meno str...

Giovedì 23 Maggio 2019
13
Salvini: se Lega vince europee non chiederò poltrone ma flat tax. Di Maio: abolizione abuso ufficio? Basta str...»

Se la Lega si affermerà come primo partito italiano alle prossime elezioni europee «chiederò la flat tax, non certo più poltrone». Lo ha detto il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini a Radio anch'io rispondendo a chi gli chiedeva se la sua intenzione fosse quella di un rimpasto dopo il voto. Intanto nel governo continua la tensione, con Di Maio che stamani su facebook è tornato ad attaccare Salvini sulla proposta di abolire l'abuso di ufficio: «L'Esecutivo va avanti ad un patto: più lavoro e meno stronzate».

Conte da Mattarella, dl sicurezza corretto: ma Cdm dopo il voto

 

Salvini: via abuso d'ufficio. «Io voglio scommettere sulla buona fede degli italiani, degli imprenditori, degli artigiani, dei sindaci. Abbiamo una burocrazia e una paura di firmare atti, aprire cantieri sistemare scuole, ospedali. Assolutamente». Lo ha detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini intervendo a Radio Anch'io, trasmissione di Radiouno, parlando della sua intenzione di abolire l' abuso d'ufficio. «Io non so cosa fanno Berlusconi, Renzi, Monti, Di Maio, io faccio quello che ritengo sia giusto per gli italiani, bisogna togliere burocrazia, togliere vincoli, fare, liberare - ha aggiunto - Se per paura che qualcuno rubi blocchiamo tutto e allora mettiamo il cartello affittasi ai confini dell'Italia e ci offriamo alla prima multinazionale cinese che arriva. Se uno ruba e lo becco, lo metto in galera e se ruba da pubblico ufficiale si prende il doppio della pena ma non possiamo per presunzione di colpevolezza bloccare tutto».

«Io chiedo il voto per cambiare l'Europa, non chiedo mezza poltrona in più. Certo se la Lega sarà il primo partito in Italia e in Europa» la flat tax «sarà la priorità». La priorità «è abbassare le tasse come c'è scritto nel contratto di governo, una tassa unica per le famiglie e le imprese che è l'unico modo per far correre l'Italia», ha detto il capo del Viminale.

Duro l'intervento di Di Maio su facebook: l'abuso di ufficio «è un reato in cui cade spesso chi amministra, è vero, ma se un sindaco agisce onestamente non ha nulla da temere. Non è togliendo un reato che sistemi le cose. Il prossimo passo quale sarà? Che per evitare di far dimettere un sottosegretario togliamo il reato di corruzione? Sia chiara una cosa, per noi il governo va avanti, ma a un patto: più lavoro e meno stronzate!». Voler togliere questo reato «è forse un modo per chiedere il voto ai condannati o per salvare qualche amico governatore?».

E ancora: «Il reato di abuso d'ufficio esiste quando un incaricato di pubblico servizio, un dirigente o un politico ad esempio, nello svolgimento delle sue funzioni fa qualcosa che, intenzionalmente, procura a sé o ad altre persone a lui vicine un vantaggio ingiusto, arrecando ad altri dunque un danno. Volete un esempio? Un sindaco, un ministro, un presidente di Regione o un qualsiasi altro dirigente pubblico che fa assumere sua figlia per chiamata diretta, invece di convocare una selezione pubblica e dare a tutti la possibilità di ambire a quel posto di lavoro», scrive Di Maio nel post, nel quale sottolinea: «Ora, vedete come vanno le cose? Io dovrei stare zitto davanti a queste affermazioni? Dovrei stare zitto davanti a chi apre ai raccomandati, a chi chiude le porte al merito, a chi favorisce qualcuno solo perché ha avuto qualcosa in cambio? E poi ci lamentiamo dei cervelli in fuga e dei nostri ragazzi che devono espatriare per cercare un lavoro? Ma per favore...». «Il colmo è che, se parlo, qualcuno fa la vittima e dice che insultiamo; se non parlo però siamo conniventi. Ma di fronte a questa stupidaggine io non posso tacere. Chi l'ha detto stavolta ha toppato alla grande», conclude. « Come si fa a dire che si vuole dare battaglia alla mafia e alla camorra con un decreto e poi subito dopo incitare all'abolizione del reato di abuso d'ufficio? Dov'e la logica?».

Ultimo aggiornamento: 20:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma