SPREAD

Sale lo spread, Piazza Affari debole. Petroliferi in rialzo dopo lo scatto del greggio

Martedì 23 Aprile 2019
Giornata debole a Piazza Affari, chiusa in calo dello 0,27%, in controtendenza rispetto alle principali Borse europee, coi dati Eurostat sul debito 2018 salito al 132,2% del Pil e il deficit sceso al 2,1%.

Chiusura in netto rialzo per lo spread Btp-Bund. Il differenziale di rendimento tra il titolo decennale italiano e quello tedesco di pari durata ha terminato ben sopra la soglia dei 260 punti base, a 264 punti base, dai 258 punti della vigilia. In sensibile aumento invece il rendimento del Btp che, al termine degli scambi, è indicato al 2,68% dal 2,62% del riferimento precedente.

Lo spread in rialzo ha pesato sulle banche: Unicredit (-3,29%), frenata anche dallo stacco delle cedole, Banco Bpm (-1,78%), Mediobanca (-1,18%), Ubi (-1,03%), Bper (-0,98%) e Intesa (-0,49%). Fuori dal Ftse Mib giù Mps (-3,30%).

La peggiore sul listino è però la Juventus (-5,55%), sulla scia dell'esclusione dalla Champions, nonostante lo scudetto già in tasca. In flessione la Lazio (-5,71%), in vista dello scontro di Coppa Italia col Milan.

Male Fca (-4,46%) e Cnh (-0,91%), tra i titoli che hanno staccato cedole.

Il prezzo del petrolio, in aumento dopo il blocco delle importazioni dall'Iran, ha trainato Tenaris (+3,49%), Saipem
(+2,91%) e Eni (+2,37%).

Soffre Stm (-3,43%),insieme al comparto dopo il rinvio del lancio del Galaxy pieghevole di Samsung, e in attesa dei conti domani.


  Ultimo aggiornamento: 20:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma