Bambini, abusi invisibili per 60 mila: troppe aspettative e pressioni

Sabato 20 Aprile 2019
L'inadeguatezza dei vestiti all'età o alla stagione, la denutrizione, la scarsa igiene o il disinteresse per i bisogni affettivi ed emotivi dei piccoli. O, al contrario, un'attenzione esagerata e pressioni: l'eccesso di cure mediche o la richiesta ossessiva ai propri figli di prestazioni superiori alla norma. Sono esempi di abusi 'invisibilì, con cui il benessere di un bambino e il suo diritto a uno sviluppo armonico possono venire calpestati, talvolta in maniera anche inconsapevole. Ad esserne vittime sono ogni anno 60mila bimbi.

Pensando a bambini abusati la mente corre ai maltrattamenti fisici e agli abusi sessuali che rappresentano il 23% e l'8-10% del totale: vi sono invece forme di violenza più striscianti e nascoste, ma sempre più diffuse. Queste altre «facce» dei maltrattamenti toccano anche famiglie di livello socio-economico medio alto e spesso è più difficile coglierne i segni. Su circa 100mila casi di bambini e ragazzi vittime di abusi ogni anno, sottostimati di alcune decine di migliaia per carenza di denunce, oltre il 60% sono dovuti a trascuratezza ma anche ad eccesso di cure. La violenza si nasconde sempre più spesso nelle pieghe della normalità: anche per questo prosegue il progetto voluto da Menarini per costruire una rete di pediatri 'allenatì a riconoscere i segnali di difficoltà inespressi, facendoli diventare «sentinelle» del disagio dei minori.

Grazie ai nuovi corsi di formazione «Lo sai che? Incontri sulla realtà degli abusi e dei maltrattamenti dell'infanzia», organizzati con la Società Italiana di Pediatria (Sip) e la Federazione Italiana Medici Pediatri (Fimp), ne saranno formati 1000, in 13 città e centri di piccole dimensioni. «Si stima che in Italia siano circa l'1% i bimbi e i ragazzi maltrattati, ma la percentuale rappresenta solo la punta dell'iceberg e la patologia delle cure eccessive riguarda oltre il 60% dei casi - evidenzia Pietro Ferrara, referente nazionale Sip per abusi e maltrattamenti - la formazione su questi temi è diventata indispensabile anche nelle forme diverse da quelle 'tradizionalì delle violenze fisiche e degli abusi sessuali. I bambini vittime di abusi, violenze e maltrattamenti, vanno incontro a un maggior rischio di sviluppare problemi cognitivi, linguistici e sociali, disordini della personalità o fare abuso di sostanze».

«Intercettare l'abuso e la violenza prima che sia tardi - aggiunge Luigi Nigri, vice presidente Fimp - è uno dei compiti fondamentali del pediatra che, se competente, ricopre un ruolo importante nel cogliere precocemente i segnali di disagio». Tra i segni a cui fare attenzione vi sono il fatto che il bimbo appaia insolitamente triste, o abbia improvvisi cambiamenti nel comportamento, un calo del rendimento scolastico, sviluppo di nuove paure, comportamenti regressivi e autolesionistici. «Tutti i bambini hanno il diritto di vivere un'infanzia felice e serena; purtroppo, però, gli episodi di violenza su minori continuano ad essere frequenti e sono spesso compiuti da chi dovrebbe solo amarli e tutelarli - hanno detto Lucia e Alberto Giovanni Aleotti, del Board di Menarini - e questo progetto è unico al mondo. Con la formazione di migliaia di pediatri e medici di base si aiuta a proteggere i più piccoli da un destino crudele».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Calimero e la gabbianara della Balduina

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma