​San Francisco invasa da escrementi umani: squadre speciali per pulire la città

Martedì 16 Aprile 2019 di Anna Guaita
3

NEW YORK – Quando si pensa a San Francisco, viene in mente il Ponte sul Golden Gate, la baia, l’Oceano, le case vittoriane, I tram che si arrampicano sulle colline, la ricchezza della vicina Silicon Valley, la nebbia. Chi penserebbe di accoppiare l’immagine di questa ricca e gioiosa città della California del nord agli escrementi umani? Eppure “the city by the Bay” sta combattendo una guerra interminabile con il moltiplicarsi delle feci sui marciapiedi. Eh no…non sono feci di cani. Quelle vengono in massima parte debitamente raccolte dai proprietari. Il problema è rappresentato soprattutto da feci umane. E le ultime notizie sono demoralizzanti. Nonostante il grande sforzo della nuova sindaca, London Breed, il primo trimestre del 2019 ha rilevato la presenza di quasi 7 mila presenze di escrementi, diffuse anche nei quartieri più esclusivi. Se continuerà così, il 2019 batterà il record registrato lo scorso anno, quando l’ufficio igiene della città ha constatato la presenza di 28 mila “materie fecali”.
 
Significherebbe cioè che la speciale squadra ideata la scorsa estate dalla sindaca, la “poop patrol”, non è riuscita a tenere testa alla frequenza con cui la lordura viene depositata. “Poop patrol” è il soprannome affibbiato dal quotidiano San Francisco Chronicle alla squadra pulizia. E’ una squadra formata di cinque membri, forniti di abbigliamento protettivo e strumenti per raccattare i resti, depositarli in un contenitore, lavare e sterilizzare la zona imbrattata con gettiti di vapore caldissimo.

Ogni membro della squadra guadagna 71 mila dollari all’anno, che diventano un costo per la città di 180 mila dollari ciascuno, con i contributi pensione, assicurazione medica ecc. Il quindicinale economico Forbes ha calcolato che dati i costi della “poop patrol” e il numero delle feci da ripulire, i contribuenti pagano 32 dollari e 75 centesimi per ogni escremento raccolto.
 
Non sarebbe una cifra seria per questa ricca città, se il progetto funzionasse. La sindaca sperava che la squadra avrebbe identificato e ripulito i marciapiedi insozzati prima che arrivassero le segnalazioni dei cittadini al numero delle lamentele, il 311. Ciò non si è verificato: come si diceva, nonostante la “poop patrol” esca presto la mattina a pattugliare e ripulire le aree della città, nel primo trimestre di quest’anno ci sono state già quasi 7 mila segnalazioni.
 
Il problema di San Francico è legato al grande numero di senzatetto che vivono in tendopoli. Si calcola che ce ne siano oltre 7.500, in una città che conta 800 mila abitanti. La città offre 22 gabinetti pubblici, a forma di chiosco, che però sono chiusi la notte.

Tra l’altro, il problema della sozzura si lega anche al pericolo delle siringhe: molti di coloro che imbrattano i marciapiedi non sono solo senzatetto, ma anche tossicodipendenti, e oltre a lasciarsi dietro la propria lordura, lasciano cadere anche siringhe usate e pericolose.

Ultimo aggiornamento: 10:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La nuova frontiera del golf: imbucare tirando con i piedi

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma