PAPA FRANCESCO

A Morricone lunedì a Sant'Agnese la medaglia d'oro di Papa Francesco

Sabato 13 Aprile 2019
Il maestro Ennio Morricone
Lunedì 15 aprile alle 18 i concerti di Roma Sinfonietta e dell’Università di Roma Tor Vergata si trasferiscono eccezionalmente nella chiesa di Sant’Agnese in piazza Navona per un evento ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti: la consegna della Medaglia d’Oro del Pontificato che Papa Francesco ha assegnato ad Ennio Morricone «per il suo straordinario impegno artistico, che ha avuto anche aspetti di natura religiosa». Il premio sarà consegnato a Morricone dal Cardinale Gianfranco Ravasi. Seguirà l’esecuzione di uno dei più grandi capolavori musicali di ogni tempo, la Passione secondo Giovanni di Johann Sebastian Bach, composta per la Settimana Santa del 1724, precisamente per il Venerdì Santo.

Quest’opera monumentale, che coinvolge sei cantanti solisti, un coro e un’orchestra di notevoli dimensioni per l’epoca, narra la passione e la morte di Cristo, seguendo in modo sostanzialmente fedele i capitoli 18 e 19 del Vangelo di San Giovanni. Rispetto agli altri Vangeli, quello di Giovanni è più sintetico e meno drammatico: omette infatti molti particolari, tra cui l’agonia nel Getsemani, il bacio di Giuda, il processo davanti al Sinedrio, gli oltraggi subiti in casa del Gran Sacerdote, il suicidio di Giuda, l’interrogatorio da parte di Erode, gli scherni sotto la croce, le tenebre al momento della morte. Inoltre Giovanni è l’unico a parlare della presenza di Maria ai piedi della croce. 

Al racconto evangelico si aggiungono undici corali e dieci tra ariosi e arie solistiche, che esprimono le reazioni dei fedeli agli eventi narrati, le loro meditazioni e i loro sentimenti. Sono tutte pagine di grande bellezza, che alla drammaticità degli eventi della Passione alternano momenti di riflessione e di preghiera, sempre sotto il segno di una sincera e profonda religiosità. Tutti gli ascoltatori, che siano o non siano credenti, che siano o non siano esperti di musica, non potranno non essere soggiogati da questo supremo capolavoro, che tocca sentimenti e valori universali. Anche qui, come sempre, Bach ricorre alle più complesse tecniche di composizione, ma non esibisce mai la sua scienza musicale, perché le Passioni non erano riservate agli esperti ma erano eseguite nelle chiese davanti all’intera comunità dei fedeli e dovevano giungere al cuore di tutti.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Viaggiare da soli? “Un sacco bello”. Anche senza andare in Polonia

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma