Nicolò Bongiorno, figlio di Mike, con “I leoni di Lissa” vince il premio Firenze Archeofilm

Lunedì 18 Marzo 2019
Il film I leoni di Lissa di Nicolò Bongiorno, reportage sottomarino a 110 metri di profondità alla riscoperta del relitto della nave ammiraglia italiana affondata dalla flotta austriaca nel 1866, ha vinto il premio Firenze Archeofilm. Il riconoscimento viene  assegnato da una giuria popolare durante la rassegna organizzata a Firenze da Archeologia Viva. «Dedico questo premio a tutti gli amanti del mare - ha commentato commosso il regista presente alla premiazione - Molto devo a mio papà Mike che per primo mi ha trasmesso la passione per il mare. Quest'opera è stata per me un viaggio anche interiore nello spazio e nel tempo. Ma dedico questa mia vittoria anche al grande archeologo subacqueo Sebastiano Tusa, tragicamente scomparso».

Il premio Università di Firenze è andato invece al film
Art Quake di Andrea Calderone mentre il premio Museo e istituto fiorentino di preistoria è stato assegnato a Chi ha ucciso i Neandertal, del regista francese Thomas Cirotteau. Il Firenze Archeofilm, alla sua seconda edizione, in cinque giornate ha proposto al pubblico 80 pellicole da tutto il mondo. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma