Porta la sorellina a rubare caramelle, poi il 15enne la colpisce a bastonate e la lascia morire in un fossato

Venerdì 15 Marzo 2019 di Alessia Strinati
Porta la sorellina a rubare caramelle, poi il 15enne la colpisce a bastonate e la lascia morire in un fossato

Dovevano rubare insieme delle caramelle, ma lui ha ucciso la sua compagna di giochi". Aidan Zellmer, 15enne all’epoca dei fatti, è stato condannato come fosse un adulto all'ergastolo dopo aver ucciso con un bastone di metallo la piccola Kiaya Campbell di appena 10 anni.

Prete pedofilo abusa di decine di bimbi e fugge: ucciso nella sua casa
 


I due erano usciti insieme per rubare delle caramelle, quando lui, per motivi che non sono stati divulgati, ha aggredito la bambina con un tubo di metallo: le ha dato 5 colpi in testa e poi l'ha trascinata dentro un fosso dove l'ha lasciata morire. La madre della bimba e il padre del ragazzo erano fidanzati, così i due trascorrevano spesso del tempo insieme e lei, più piccola, seguiva spesso il fratellastro nelle marachelle, come quella del furto in questione. I fatti risalgono al giugno del 2017, in Colorado, negli Usa, oggi però per Zellmer, che ha 17 anni, è arrivata la condanna che prevede che solo tra 40 anni potrà essere idoneo per la libertà condizionata.

Ad incastrare il giovane sono state le tracce di DNA sul tubo, come riporta anche il Daily Mail. Dopo il ritrovamento del cadavere è sembrata subito evidente la dinamica dell'omicidio e il 15enne ha confessato tutte le sue colpe, chiedendo anche il patteggiamento in tribunale. Secondo la difesa il 15enne avrebbe avuto problemi mentali relativi agli abusi subiti dal padre, ma nulla di tutto ciò è servito a ridurre la pena. 

Ultimo aggiornamento: 17:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vita spericolata di una mamma quando i figli sono in vacanza

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma