Cent'anni fa la nascita di Giulio Andreotti: il libro di padre Leonardo Sapienza

Mercoledì 16 Gennaio 2019 di Mario Ajello
Oggi pomeriggio, 16 gennaio, viene presentato al Senato un libro su Giulio Andreotti, che nacque un secolo fa, il 14 gennaio 1919. S'intitola "I miei santi in Paradiso. L'amicizia di Giulio Andreotti con le figure più note del cattolicesimo del Novecento", ed è scritto da padre Leonardo Sapienza, Reggente della Prefettura di Casa Pontificia, e dal giornalista Roberto Rotondo. Lo presenta il presidente della Cei, Cardinale Gualtiero Bassetti, e in queste pagine si ricostruisce il rapporto di amicizia di Andreotti con figure come Madre Teresa, Giovanni Paolo II, don Gnocchi, La Pira, don Mazzolari, Paolo VI e tanti altri. Rapporti di amicizia che avevano come contenuto la pace, la promozione delle fasce più deboli della popolazione o specifiche opere di carità.

Nel libro c'è anche l'inizio del suo rapporto con Assisi, dove addirittura trascorse il viaggio di nozze. Sui movimenti ambientalisti e pacifisti della marcia Perugia-Assisi, Andreotti disse una volta che andavano bene, e avvicinavano molta gente e allo spirito francescano, quelle manifestazioni un po' troppo piene di bandiere rosse. Questo suo giudizio positivo non gli impedì comunque - così ricorda padre Enzo Fortunato, attuale direttore  della sala stampa del Sacro Convento - di fare una specie di rimprovero bonario nei confronti dei francescani, a proposito del loro  rapporto con questi movimenti di sinistra. Il Custode della basilica di San Francesco di allora, sorridente, fu pronto a ribattere: "Ma, Presidente, bisogna pure parlare con Fratello lupo!". E lui, con la sua famosa ironia: "Beh, se allora me li chiamate lupi, sono d'accordo". Ultimo aggiornamento: 20:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze con i figli: ostaggi della trap in auto e pure delle dritte degli youtuber

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma