Miniera d'oro crolla, strage in Afghanistan: si teme che i morti siano cinquanta

Domenica 6 Gennaio 2019
2
Miniera d'oro crolla, strage in Afghanistan: si teme che i morti siano cinquanta

Il crollo improvviso non ha lasciato scampo: decine di persone, forse 50, sono morte dopo essere rimaste sepolte vive in una miniera d'oro clandestina in Afghanistan: un tunnel profondo oltre 60 metri e scavato, anche con l'ausilio di una ruspa, nel greto terroso di un fiume in secca nel poverissimo e remoto nord-ovest dell'Afghanistan. Il bilancio del disastro, già pesante, è probabilmente destinato ad aumentare, perché non è certo il numero delle persone che, spinte da miserevoli condizioni di vita, stavano scavando, nella speranza di trovare qualche pepita. Mohammad Rustam Raghi, governatore della provincia di Badakhshan, un angolo montagnoso di Afghanistan che si incunea fra Tagikistan, Cina e Pakistan, ha stabilito un bilancio provvisorio ma ufficiale di almeno 30 morti e di sette feriti, ma un parlamentare che ha localmente il suo bacino elettorale ha già parlato di almeno 40 vittime. 
 


Mentre altri ipotizzano un bilancio ancor peggiore. Il governatore Raghi ha detto che i cercatori d'oro dilettanti «stavano usando una escavatrice per allargare la buca nel letto del fiume quando c'è stato il crollo, che ha intrappolato almeno 30 lavoratori». Le pareti di fosse, buche e gallerie vengono di solito rinforzate con mezzi di fortuna, come assi e pali di legno malandati. Le vittime appartengono tutte a un villaggio vicino, nel distretto di Kohistan. Il motivo del crollo non è chiaro, anche se fonti non confermate ma riportate da alcuni media dicono che a innescarlo potrebbe essere stato un improvviso allagamento del greto del fiume. Altri media ricordano come la la regione, montagnosa, arida e freddissima d'inverno, sia soggetta a frane e smottamenti, come pure a valanghe e slavine. Una grande frana nell'aprile del 2015 uccise almeno 50 persone e distrusse centinaia di case di fango. 

LA MAPPA

Nik Mohammad Nazari, portavoce del governatorato provinciale di Badakhshan ha dichiarato: «Gli abitanti del villaggio hanno esercitato questa attività per decenni senza alcun controllo da parte delle autorità». Quando il crollo ha colto tutti di sorpresa, la gente è accorsa sul posto e ha iniziato a scavare il terriccio con qualunque cosa, comprese le mani nude, alla ricerca dei propri cari, di improbabili sopravissuti. «Abbiamo inviato una squadra di soccorso sul posto, ma i locali stanno già rimuovendo i corpi dal sito», ha detto ancora il portavoce. Proprio per prevenire lo sfruttamento minerario illegale e nel tentativo di allentare un pò la dipendenza dell'Afghanistan dagli aiuti stranieri, lo scorso anno il governo di Kabul ha firmato due contratti con compagnie minerarie per lo sfruttamento dei giacimenti di oro e di rame nelle province afghane settentrionali.​

Ultimo aggiornamento: 18:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Se il figlio non sta mai fermo la soluzione è tre sport in uno

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma