MIGRANTI

Papa Francesco: «Accogliere e proteggere i migranti è una responsabilità morale»

Giovedì 13 Dicembre 2018 di Franca Giansoldati
9
Città del Vaticano - Il Global Compact (al quale non ha aderito l'Italia), le continue chiusure europee e del ministro Matteo Salvini, fanno da sfondo all'appello fatto stamattina da Papa Francesco ad un gruppo di ambasciatori che presentavano le Lettere Credenziali. Accogliere e proteggere i migranti resta una responsabilità morale.

Una frase che ha ripetuto, per marcare ulteriormente in concetto. Nessuna «efficace soluzione umanitaria» alla crisi migratoria «può ignorare la nostra responsabilità morale, con la dovuta attenzione al bene comune, per accogliere, proteggere, promuovere e integrare coloro che bussano alle nostre porte in cerca di un futuro sicuro». Erano dieci i nuovi ambasciatori — rappresentanti di Grenada, Gambia, Bahamas, Svizzera, Cabo Verde, Islanda, Turkmenistan, Malta, Qatar ed Estonia — che nella Sala Clementina ascoltavano il discorso.

Il Papa ha rammentanto anche il settantesimo anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, sottolineando «l’inutilità dei conflitti armati» e «la necessità di risolvere le controversie attraverso paziente dialogo e trattativa». Per Francesco, la «pace nel mondo» e lo «sviluppo integrale di ogni individuo e di tutti i popoli» sono due obiettivi «inseparabili». È essenziale, infatti, che «il rispetto per la dignità umana e per i diritti umani ispiri e diriga ogni sforzo nell’affrontare le gravi situazioni di guerra e conflitti armati, di opprimente povertà, discriminazione e disuguaglianza che affliggono il nostro mondo e che negli ultimi anni hanno contribuito alla presente crisi delle migrazioni di massa».
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma