Fenati, la Federazione internazionale gli ritira la licenza per tutto il 2018

Venerdì 21 Settembre 2018
La Federazione motociclistica internazionale ha ufficializzato il ritiro della licenza a Romano Fenati fino al termine della stagione in corso, dopo la convocazione del pilota della Moto2 - martedì scorso - presso la sede di Mies, in Svizzera. La Fim ha quindi aggravato la decisione della direzione gara di Misano, che lo avevano squalificato per due prove. Una nuova licenza per la stagione 2019 gli potrà essere concessa «alle condizioni stabilite nei Regolamenti Fim». In seguito all'incidente di Misano con Stefano Manzi del 9 settembre, ricorda una nota della Fim, Fenati ha partecipato ad un incontro a Mies, accompagnato dal proprio legale rappresentante, ed è stato ricevuto dal presidente, Vito Ippolito, e dal Ceo e Direttore legale, Richard Perret. A Fenati è stato chiesto di spiegare di persona il proprio comportamento sulla pista di Misano, «che tante reazioni estreme ha suscitato nei media tradizionali e sulle piattaforme di social media». Durante l'incontro - aggiunge la nota - i rappresentanti della Federazione mondiale hanno sottolineato la profonda preoccupazione della stessa per la sicurezza di tutti i piloti e e degli altri partecipanti alle competizioni motociclistiche. Hanno inoltre sottolineato l'importanza attribuita al fair play nello sport motociclistico. Pur riconoscendo che i corridori, ed in particolare quelli che raggiungono il livello più alto di questo sport, sono soggetti a molte pressioni sia dentro che fuori la pista, è stata ricordata a Fenati la profonda influenza che gli atleti di alto livello possono avere su fan e giovani, con la consapevolezza della sua responsabilità di dare un esempio positivo in futuro. Ultimo aggiornamento: 13:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma