Apocalisse ad Atene, si temono
100 morti. Tsipras: «Roghi dolosi»

Martedì 24 Luglio 2018 di Teodoro Andreadis Synghellakis e Fabio Veronica Forcella
40
Incendi in Grecia, Atene assediata dalle fiamme: 60 morti, migliaia in fuga

ATENE - L'incubo si è ripresentato, nel peggiore dei modi. Le fiamme hanno portato morte, distruzione e disperazione, in alcune tra le più belle località dell'Attica, la regione di Atene. Sono 74 i morti accertati finora, 500 i feriti, centinaia le case che non esistono più. Il villaggio di Màti, a 40 chilometri dalla capitale greca, è distrutto. Non esiste più.

LEGGI ANCHE ----> Mati come Pompei, mamme e figli morti abbracciati
 


INDAGINI
Secondo quanto è stato possibile verificare, il primo incendio è scoppiato nella montagna di Pendèli, poco fuori la capitale greca, e si è subito propagato, con un vento che soffiava a 120 chilometri orari, fino alla zona costiera. Sulla costa, da Rafina le fiamme sono arrivate fino a Màti, Kòkkino Limanàki e Kianì Aktì. I roghi, forse 15, sarebbero di origine dolosa. L'ipotesi, infatti, è che dietro ci sia la speculazione edilizia.
Nei comuni maggiormente distrutti dalle fiamme, non è stato dato l'ordine evacuazione per tempo, e i cittadini si sono ritrovati a cercare di fuggire con la macchina o a piedi, trovando, però, quasi sempre, le strade imbottigliate. 

Nella zona di Màti, i pini erano vicinissimi al mare, cosa che ha aiutato ancora di più il diffondersi delle fiamme. Venticinque persone sono state trovate carbonizzate, abbracciate le une alle altre, in un campo della zona, a poche decine di metri dalla spiaggia, che avrebbe rappresentato la loro salvezza. Sono rimasti intrappolati in una cintura di fuoco che non gli ha lasciato scampo. Tra le vittime, accanto a quello che rimane di un'osteria, anche una madre con sua figlia stretta tra le braccia. Molti turisti hanno chiesto aiuto alle imbarcazioni private per poter salire a bordo durante la notte e riuscire a sfuggire alla morte.

.

Ma alla lista delle vittime si deve aggiungere quella dei dispersi. Sono decine, e i parenti stanno cercando di setacciare quel che rimane della costa incendiata, nella speranza di poterli trovare ancora in vita. Come nel caso di Manòlis, 72 anni, e di suo nipote Jannis, neanche 10 anni, che sono usciti di casa appena le fiamme si sono avvicinate alla zona di Ajos Andrèas. Il loro cellulare continua a squillare, a vuoto.

Quello che impressiona, sono le carcasse di macchine e motociclette abbandonate lungo la costa, come Nèos Voutsàs. La protezione civile ellenica ha dovuto estrarre decine di cadaveri, cercavano una via di fuga. «Era la loro unica possibilità, ma hanno trovato tutta la strada bloccata», ha detto uno dei soccorritori. Scene di disperazione, molti italiani sono rimasti chiusi in hotel ad Atene: «Il cielo era di fuoco» sottolinea Michele D'Ambrosio, ex sindaco di Santeramo. La Grecia ha proclamato tre giorni di lutto nazionale per ethnikì tragodìa, tragedia nazionale.
«D'estate lasciamo MIlano e viviamo a 3 km da lì - ci dice Stefano Rejec, giornalista italiano con moglie ateniese - Nea Makri, però, è sopravento. Avevamo preparato l'auto per fuggire e siato stati sul tetto per ore. Ma ogni volta che sentiamo i Canadair è come sentire gli elicotteri in Vietnam. Mati è ormai una zona residenziale con tante case con giardini e alberi e strade strette. Fosse capitato nel weekend sarebbe stata una strage: molti qui sono pendolari. Una cugina di mia moglie non risponde al telefono: sono ore d'angoscia. E' stato un incendio velocissimo».

 

 

SOCCORSI
Pronti gli aiuti dalla Ue, dalla Russia e persino dalla Turchia, storica nemica della Grecia. L'Italia ha inviato due Canadair. La regione dell'Attica ha iniziato subito a raccogliere vestiti e alimenti per chi è rimasto senza casa, appelli del centro ellenico per le donazioni di sangue. Equipe di psicologi sono già al lavoro, per stare vicino ai sopravvissuti di quello che già in molti hanno chiamano lotsunami di fuoco.

 
 

   

 

Ultimo aggiornamento: 25 Luglio, 09:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma