Criptovalute, Lagarde: "Possono dare benefici"

Martedì 17 Aprile 2018
(Teleborsa) - I cripto-asset come il Bitcoin "non pongono un rischio immediato" alla stabilità finanziaria. Nonostante questo le autorità devono restare vigili. Lo afferma il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale (FMI) Christine Lagarde, in un post sul blog del Fondo, alla vigilia dell'apertura dei lavori delle riunioni di primavera.

Lagarde, ricordando i rischi legati ai cripto asset, fra i quali il potenziale riciclaggio di denaro e il finanziamento al terrorismo, mette anche in evidenza i possibili benefici legati alla loro introduzione: "Possono consentire transazioni finanziarie veloci e non costose. La tecnologia sottostante può aiutare i mercati finanziari a funzionare in modo più efficiente. La corsa ai cripto asset è stata paragonata alla bolla dei tulipani in Olanda (del 17esimo secolo) e alla bolla dot.com (del 2000). Ma prima che i cripto-asset riescano a trasformare l'attività finanziaria in modo significativo e duraturo, devono guadagnarsi la fiducia e l'appoggio di consumatori e autorità. Capire i rischi che i cripto asset possono porre alla stabilità finanziaria è essenziale se vogliamo distinguere le minacce reali o i timori inutili. E' per questo che abbiamo bisogno di un'agenda imparziale, di un approccio lucido che ci protegga dai rischi senza scoraggiare l'innovazione".

Il direttore generale dell'FMI, spiega che i cripto-asset "permettono transazioni finanziarie rapide e poco costose offrendo allo stesso tempo alcuni dei vantaggi del contante". Inoltre, la tecnologia sottostante "potrebbe aiutare i mercati finanziari a funzionare in modo più efficiente" e le aziende a conservare documenti confidenziali. Nelle economie in via di sviluppo, i cripto-asset potrebbero "aiutare a proteggere i diritti sulla proprietà, ad aumentare la fiducia nei mercati e a promuovere gli investimenti". Ultimo aggiornamento: 18:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Whatsapp parla chiaro: studenti on line in classe

di Raffaella Troili