Roma, appalti G8, confiscato l'impero di Balducci: ville e terreni per 9 milioni di euro

Mercoledì 5 Aprile 2017 di Michela Allegri
7
Confisca definitiva dei beni di Angelo Balducci, ex Provveditore alle opere pubbliche del Lazio e Presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici. I possediemnti acquisiti al patrimonio dello Stato ammontano a circa 9 milioni. Il provvedimento eseguito dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria, arriva al termine di un lungo iter giudiziario, che si è concluso il 24 febbraio 2017 con la sentenza della Cassazione, che ha confermato la condanna d'appello di Balducci a 3 anni e 8 mesi per corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio nell’appalto della scuola Marescialli, uno dei filoni dell’inchiesta per i lavori per i Grandi Eventi e il G8. L'inchiesta riguardava anche i Mondiali di nuoto di Roma del 2009 e le celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Dalle indagini sarebbero emersi rapporti illeciti tra Balducci e le imprese romane vincitrici di gare pubbliche per oltre 300 milioni. Non è tutto. Come contropartita, le imprese avrebbero dirottato soldi verso una società cinematografica riconducibile a Balducci e che si occupava della produzione di film il cui l'attore principale era suo figlio Lorenzo. Le stesse ditte avrebbero anche finanziato l’acquisto o ristrutturazione di svariati immobili di pregio a favore del nucleo familiare di Balducci. In questo modo, l'ex Provveditore ha accumulato nel tempo un ingente patrimonio, che la sezione Misure di prevenzione del Tribunale definisce "sproporzionato" rispetto ai redditi dichiarati. Il giudice definisce Balducci «socialmente pericoloso», perchè «dedito a reiterate condotte corruttive».

Per i megistrati avrebbe «pervicacemente approfittato delle proprie funzioni apicali in seno alle amministrazioni, titolari di enormi poteri di spesa in ordine all’assegnazione di appalti pubblici, per procedere in modo sistematico e sfrontato all’arricchimento proprio, dei familiari e dei complici con i quali abitualmente operava». A processo si è difeso con affermazioni «sfacciatamente false e smentite obiettivamente dalle fonti di prova, a conferma della pericolosità del proposto e della totale assenza di qualunque resipiscenza». Tornano quindi nella disponibilità dello Stato, 27 unità immobiliari tra ville, appartamenti di pregio e terreni a Roma, San Giorgio di Pesaro, Montepulciano e Sappada. La stessa cosa vale per 2 autoveicoli e 1 motoveicolo, rapporti bancari e titoli obbligazionari, quote societarie; disponibilità finanziarie per oltre 3 milioni di euro detenute in Lussemburgo.
Ultimo aggiornamento: 6 Aprile, 09:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma