MIGRANTI

Migranti, i ragazzi italiani e tedeschi sono i più pronti ad accoglierli

Martedì 21 Giugno 2016
17
Sbarco di migranti a Lesbo, in Grecia
I giovani italiani, insieme con quelli tedeschi, sono in Europa quelli più disposti all'accoglienza dei migranti. È il dato che emerge dal Rapporto Giovani 2016 realizzato dall'Istituto Toniolo di Milano con il sostegno di Intesa Sanpaolo e della Fondazione Cariplo. Il 40% dei giovani italiani infatti si dichiara convinto che occorra accogliere nel nostro Paese i profughi, mentre un altro 24% pensa che sia giusto ospitare non solo chi ha diritto all'asilo ma anche i cosiddetti migranti economici. Sommando le due risposte si arriva dunque al 64% dei ragazzi tra i 18 e i 32 anni favorevole all'accoglienza.

Soltanto in Germania si rilevano percentuali più alte: il 51% dei giovani tedeschi ritiene giusto accogliere i soli profughi, il 74% se si sommano quelli convinti che occorra accogliere tutti. Invece i giovani francesi che trovano giusto accogliere solo i rifugiati sono il 39% (anche in questo caso la percentuale sale al 42% se si considerano quelli che vogliono accogliere tutti); quelli inglesi sono al 34% (51% con quelli che sono per l'accoglienza a tutti); infine i ragazzi spagnoli che sono d'accordo con l'accogliere solo i rifugiati al 30% (57% con chi è per l'accoglienza indistinta).

Il Rapporto Giovani 2016 è il frutto di una nuova fase di ricerca e mappatura che è partita nell'autunno 2015 con un campione di 9.000 giovani. I temi chiave sono: lavoro, felicità, istituzioni, Europa e figure di riferimento. Su questo tema i dati dell'istituto Toniolo hanno messo in parallelo anche quelli dei giovani di altre nazioni europee. Dal rapporto si evince come il 44,2% dei giovani italiani e il 46,7% di quelli tedeschi siano convinti che gli immigrati che raggiungono l'Italia lo fanno per fuggire dalla guerra o da regimi tirannici (contro il 36,4 % dei francesi, il 18,5 % degli inglesi e il 15% degli spagnoli). Solo il 4,8% dei ragazzi italiani è convinto che gli immigrati/rifugiati possano creare problemi legati al terrorismo, mentre la percentuale di quelli tedeschi è 5,3%, per i francesi il 9,8% , per gli inglesi l'11,1%; per gli spagnoli il 4,2%, dunque gli iberici sono gli unici a dimostrare un grado di preoccupazione inferiore alla nostra.

«Questi dati - spiega Rita Bichi, docente di Sociologia presso la Facoltà di Scienze Politiche e Sociali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e una delle curatrici del Rapporto giovani del Toniolo - indicano che i giovani millennials sono aperti nei confronti degli immigrati; certo la loro disponibilità sarebbe senz'altro maggiore se le politiche di sostegno ai giovani e alle famiglie consentisse loro una più serena visione del loro futuro». Ultimo aggiornamento: 22 Giugno, 18:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma