Bin Laden temeva che la moglie avesse microchip nei denti

Martedì 1 Marzo 2016

Bin Laden temeva che la moglie avesse un microchip nei denti, quindi che potesse essere spiato. La preoccupazione è emersa in una lettera inviata dallo stesso leader di al Qaeda ad un aiutante identificato come 'Shaykh Mahmud' in seguito ad una visita della moglie da un dentista in Iran.
 

Temeva infatti che un tracciatore gps potesse essere stato impiantato assieme all'otturazione. «La grandezza del chip - si legge nella lettera in cui Bin Laden usa lo pseudonimo Abu Abdallah - ha la lunghezza di un granello di grano e la larghezza di un piccolo pezzo di vermicelli». La lettera fa parte dei documenti rilasciati dall'Office of the Director of National Intelligence e ritrovati nel rifugio di Abbottabad in Pakistan durante il raid che nel maggio del 2011 uccise il capo di al Qaeda.

Ultimo aggiornamento: 2 Marzo, 12:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze con i figli: ostaggi della trap in auto e pure delle dritte degli youtuber

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma