Operaio minacciato dopo incidente in un cantiere, l'imputato si difende: «Non sapevo nulla dei lavori»

Lunedì 14 Maggio 2018
Il Tribunale di Viterbo
Incidente sul lavoro a Montefiascone, in aula il direttore dei lavori prova a difendersi. Ieri mattina davanti al giudice Giacomo Autizi è comparso l’imputato accusato di violazione della normativa sulla sicurezza nei posti di lavoro e di minacce verso un operaio.

L’uomo è finito alla sbarra dopo la denuncia presentata da un operaio il 31 agosto 2012 che avrebbe ricevuto telefonate e sms di minacce dopo aver avuto un incidente in un cantiere. «Se parli, ti getto dalla finestra dell’ospedale», gli avrebbe detto. Imputati anche una donna, intestataria della ditta, per falso e altri due collaboratori.
«Io ero il direttore dei lavori - ha spiegato in aula l'imputato - e il responsabile per la sicurezza nel cantiere e non sapevo nemmeno che i lavori fossero già iniziati. Per me dovevano partire più tardi, stavo aspettando i documenti. Invece la struttura era già avviata, c’era già il primo solaio e dell’incidente ho saputo solo quando mi è arrivato l’avviso di garanzia».

In aula anche il perito Tiziana Agnitelli, chiamata dalla difesa della donna - avvocati Roberto e Francesco Massatani - per analizzare alcuni documenti che portano la sua firma. «Escludo che la firma nei due documenti rilasciati sia autografa – ha detto il perito -. Non sono sue sicuramente, sono diverse si differenziano nei movimenti grafici».
Prossima udienza il 15 ottobre. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La realtà virtuale dei grillini e i problemi (reali) della città

di Simone Canettieri