Trump firma i dazi su acciaio e alluminio: entreranno in vigore tra 15 giorni

Donald Trump ha firmato alla casa Bianca i dazi al 25% sull'acciaio e al 10% sull'alluminio importati. Presenti, tra gli altri, il vice presidente Mike Pence, i segretari al commercio Wilbur Ross e quello al tesoro Steve Mnuchin. Il presidente ha confermato l'intenzione di «mostrare flessibilità e cooperazione con i Paesi amici».

Esigenze di sicurezza nazionale: questo il motivo principale usato dall'amministrazione Trump per giustificare i dazi su acciaio ed alluminio, usati nel settore della difesa. Lo rende noto la Casa Bianca, elencando i motivi e una serie di numeri per spiegare come mai gli Usa sono diventati il più grande importatore al mondo di acciaio (con un volume quasi quattro volte quello che esporta) e di alluminio (nel 2016 era importato il 90% della domanda, +66% rispetto al 2012). Sotto accusa le «pratiche commerciale ingiuste», che hanno decimato le industrie Usa del settore, causando la perdita di 94 mila posti di lavoro e la chiusura permanente dal 2012 di sei grandi fonderie. Sotto accusa in particolare la sovraproduzione globale, con 737 milioni di tonnellate di acciaio e la Cina a fare la parte del leone. 


I dazi sull'importazione di acciaio e alluminio entreranno in vigore nel giro di 15 giorni, fatta eccezione per i paesi esentati, come Canada e Messico. Lo riferisce l'Ap citando fonti esterne alla Casa Bianca. Tutti i Paesi interessati dalle nuove tariffe, secondo le stesse fonti, saranno invitate a negoziare esenzioni se possono affrontare la minaccia che il loro esport pone agli Usa.

«Deploriamo profondamente l'annuncio di Trump sui dazi. L'Ue non vuole una guerra commerciale. Ma non accetteremo questo comportamento aggressivo dagli Usa senza reagire». Così in un tweet il presidente del gruppo Ppe all'Europarlamento Manfred Weber. «L'Europa deve essere chiara e ferma ma proporzionata nella sua risposta agli Usa», prosegue Weber in un secondo cinguettio. «Dovremmo rimanere calmi e agire in modo razionale. L'Europa crede nella partnership e nella costruzione di ponti. Il commercio equo e libero tra le nostre economie va a vantaggio della gente», conclude Weber.


LEGGI ANCHE Dazi, la Cina avverte gli Usa: «Se ci sarà guerra daremo la risposta necessaria»

«Se si avverasse il peggior scenario possibile siamo pronti a portare gli Usa al Wto»: lo ha detto il vicepresidente della Commissione Ue Jyrki Katainen. «Ci aspettiamo che l'Ue sia trattata come un blocco unico, non possiamo accettare che sia divisa in categorie differenti», ha poi aggiunto, precisando che la Ue ha regole rigide sugli aiuti di Stato che dovrebbero «rassicurare» gli Usa sul fatto che l'industria non ha sussidi.

 
Giovedì 8 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 10-03-2018 11:27

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-03-11 09:26:23
Comincia una strada in salita per l'Europa, e in particolare per l'Italia, che nel contesto UE e anche geograficamente è una piccola espressione geografica, come ebbe a definirci un tale Metternich, ma sovrappopolata rispetto alla sua estensione sulla cartina, contrariamente agli altri Stati della UE. Era a questa previsione sulle decisioni di Trump che mi riferivo quando scrivevo che uscire adesso dalla UE sarebbe un suicidio. Spero e mi auguro che i bufalari che andranno a formare il neogoverno, sempre che lo formino, ne tengano conto, altrimenti davvero anneghiamo come i topi di Hamelin. Forse lo meriteremmo visto che siamo un popolo di beoti boccaloni che crede ancora che la manna possa pioverci dal cielo senza fare nulla e senza lavorare.
2018-03-09 20:06:03
i dazi sulle importazioni, prima o poi diverranno una necessità anche per l'Europa e l'Italia. L'alternativa è quello che sta succedendo in Italia da almeno 20 anni.
2018-03-09 15:33:22
Eccola la grande risposta dell'europa da far tremare i polsi, ricorso al WTO, starà tremando dalla paura.
2018-03-09 11:30:42
Grande presidente, rispetta le promesse elettorali. La cosa che lo rende superiore è che non può essere comprato(almeno lo spero), ha già una valanga di soldi.
2018-03-09 17:03:45
Ma cosa dici ? Dimentichi che sono stati proprio i suoi predecessori, Reagan in testa, a volere deregulation e apertura dei mercati ? Dove eravate quando Reagan propugnava la sua dottrina economica ? Come è possibile avere una memoria tanto corta ? Allora gli USA credevano di invadere la Cina con i loro prodotti e invece sono stati invasi... il gioco non gli piace più e si riportano a casa il pallone... svegliaaaaaaa
13
  • 64
QUICKMAP