M5S punta alla Camera, la Lega verso il Senato

Di Maio e Salvini (ansa)
di Marco Conti
La polvere della campagna elettorale comincia a posarsi e i numeri riacquistano la loro importanza. Le percentuali di domenica notte hanno incoronato i vincitori, ma la geografia del Parlamento certifica che nessuno dei partiti e delle coalizioni ha i numeri per governare da solo. Un dato noto già da prima del voto, ma che, seppur a fatica, inizia ad emergere e costringe anche i leader dei partiti vincitori ad ammorbidire le proprie posizioni. LEGGI ANCHE: Elezioni, Mattarella chiede realismo: indispensabile mediare Un...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 8 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 09-03-2018 10:49

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 145 commenti presenti
2018-03-08 07:48:18
Dopo i risultati elettorali non credo ci sia altra soluzione che formare un governo di coalizione tra 5S e Centrodestra, dividendosi equamente i Ministeri e con un premier di garanzia super partes. Inutile e dannoso coinvolgere il PD, grande sconfitto di questa tornata elettorale. Un governo di questo tipo potrebbe realizzare molte delle proposte dei due schieramenti (abolizione Fornero, riforma fiscale, reddito di cittadinanza, lotta immigrazione) e concludere la propria azione con una nuova legge elettorale che dia finalmente al vincitore la possibilitĂ  concreta di governare.
2018-03-08 09:19:02
Finalmente cominciano a ragionare e a collaborare. Da soli non si va da nessuna parte ma camminare con lo zoppo ci fa zoppicare. Ben venga la collaborazione tra i due vincitori, votati dalla maggioranza dei cittadini italiani: M5S e Lega.
2018-03-08 10:36:35
Destra e 5stelle dovrebbero accordarsi su un governo che avrebbe una grossa maggioranza tanto da rendere inutile qualsiasi opposizione specialmente del PD, che farĂ  di tutto per far decidere Mattarella per un governo del Presidente! No in assoluto a transfughi ed accordi con il PD!
2018-03-08 10:09:44
d'accordo quasi su tutto..unico problema e' che nello schieramenti di cdx c'e' un certo Berlusconi, che certamente e' un ostacolo non da poco per un'alleanza 5s lega...gia' ieri la sua dichiarazione di voler essere il regista della coalizione di cdx la dice tutta....
2018-03-08 10:24:55
Premesso che trovo ridicolo che ci siano troppi partiti in qualsiasi Paese che si rispetti,spero che il m5s e il centrodestra decidano di collaborare per rimettere in piedi l'Italia.Certo esistono delle differenze (il reddito di cittadinanza mi sembra una follia visto il pauroso debito pubblico) e quindi credo che i due partiti debbano rivedere o smussare qualche promessa elettorale.Le due prime priorita' sono:fermare questa folle immigrazione selvaggia e far ripartire l'economia.Il PD,forse,non cerchera' nessuna alleanza perche' spera nel disastro della nazione sotto i due partiti al comando. Il centrodestra e il m5s(se collaborano) dovranno fare scelte dolorose e dovranno spiegare le ragioni della loro politica.Per i due partiti(coalizione di destra =partito unico) non sara' una marcia trionfale;saranno cinque lunghi e duri anni per rimettere in piedi il Paese distrutto dalle sinistre.Gli elettori del m5s non si devono aspettare nessun assistenzialismo catastrofico per l'economia stessa.Rischiamo di fare la fine della Grecia e di tanti altri Paesi in bancarotta.I nostri figli e nipoti non devono pagare per i nostri errori.Ma intanto i geniali politici della sinistra si sono assicurati il futuro con pensioni e vitalizi da sogno.Alla faccia nostra.
145
  • 215
QUICKMAP