Pd, Calenda: «Il leader è Gentiloni, tenersi lontani da M5S»

Calenda (ansa)
Nel Pd il «leader c'è e fa il presidente del Consiglio». Lo scrive su twitter, rispondendo a una follower, il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda all'indomani del suo annuncio di iscriversi al Pd. Esclude qualsiasi ipotesi di alleanza con i 5Stelle, Calenda: «Se il Pd si allea con il M5S il mio sarà il tesseramento più breve della storia dei partiti politici», promette.

LEGGI ANCHE: M5S e post renziani/ L’azzardo dell’abbraccio fra “sinistre"
LEGGI ANCHE: Caos Pd, Calenda in campo: mi iscrivo, partito da risollevare


«Si può ripartire solo se lo si fa insieme - spiega Calenda -. Ultima cosa di cui abbiamo bisogno è arrocco da un lato e desiderio di resa dei conti dall'altro. Ridefinire il nostro messaggio al paese, riaprire iscrizioni e tenersi lontano da M5S
».
 
 
Mercoledì 7 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 16:27

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 136 commenti presenti
2018-03-07 16:39:08
Nel PD purtroppo si sono concentrati personaggi dalla personalità irrilevante, abituati a fare quello che il padrone Renzi ordina senza ragionare. Lo hanno dimostrato votando l'abolizione dell'art. 18, i vaucher, la Fornero, il job act e altre fesserie varie. Leggi di questo genere servono a far sparire la sinistra dal panorama politico perché contro natura. Fatte da destra verrebbero accettate come normale corollario alla loro ideologia. Se Renzi è riuscito tranquillamente a far passare certe leggi vuol dire che ha il controllo totale del cervello di questi individui e quindi non mi stupirei che vogliano finire il lavoro distruggendo totalmente la sinistra italiana non appoggiando un governo di sbarramento alla destra a trazione legista.
2018-03-07 09:46:24
Hai capito Calenda. nemmeno gli hanno apparecchiato la tavola e già dissente sulla cristalleria. Mamma mia che tipetto.......ma poi chi è questo?
2018-03-07 15:41:03
caro Maurizio Macold, lei che impartisce lezioni di strategia politica a destra e a manca (nel senso direzionale e non politico) non ha forse chiaro quello che è lo scenario che si sta profilando da qui a pochi mesi. Se, come lei auspica, il PD non decide di dare il suo appoggio al M5S accaparrandosi un paio di ministeri magari strategici, si andrà nuovamente alle elezioni ed allora il suo caro PD crollerà definitivamente, alcune previsioni attendibili lo attesterebbero intorno al 9/10 % con travaso di voti verso il M5S che allora si, avrebbe i numeri per formare un governo di maggioranza. Questo lo sanno molto bene i nuovi e vecchi parlamentari del PD, per cui Renzi o non Renzi, non sarà Di Maio a chiedere aiuto al PD ma sarà il PD stesso ad offrirsi. Vuole scommettere?
2018-03-07 10:38:24
a calenda sembra non essere chiaro che: gli italiani sono stufi dell'arroganza politica che fin'ora ha prevalso su tutto e altro piccolo dettaglio il M5S è il primo partito italiano, scelto dagli Italiani.
2018-03-07 09:45:01
Calenda, non è ancora arrivato nel PD e già alza la voce.Mamma mia che personaggio, sembra che sia arrivato il messia.Come è possibile tutto questo.
136
  • 424
QUICKMAP