Un boss in salotto, in uscita
il nuovo film di Rocco Papaleo

Sabato 28 Dicembre 2013 di Gloria Satta
1
Via dalla pazza folla dei film di Natale, alla larga dei cinepanettoni: uscirà il 1° gennaio Un boss in salotto, la nuova commedia di Luca Miniero, il regista che con due soli film (Benvenuti al Sud e Benvenuti al Nord) ha incassato sessanta milioni di euro. «E ora ho confezionato una cinepastiera», scherza Miniero che ha ingaggiato un gruppetto di protagonisti collaudati (Rocco Papaleo, Paola Cortellesi, Luca Argentero, Angela Finocchiaro, Ale) per raccontare ancora una volta il conflitto tra nord e sud, ovviamente stemperato nella risata. «Anno nuovo commedia nuova», annuncia il produttore Riccardo Tozzi, sostenuto da Nicola Maccanico di Warner che distribuisce Un boss in salotto: «Il primo gennaio», dice, «è la data giusta per questa grande commedia popolare che punta su un’idea forte». Quale? L’edificante esistenza di Paola Cortellesi, donna del sud che si è trasferita al nord rinnegando le proprie origini, è messa sottosopra dall’arrivo inaspettato del fratello (Papaleo) implicato in un processo di camorra: in casa della sorella, con l’imbranato marito di lei (Argentero) e i due bambini della coppia, l’uomo sconterà gli arresti domiciliari.



LE RADICI

Naturalmente la presenza del ”terrone”, con la sua filosofia di vita singolare e le canottiere improbabili, sconvolgerà non solo la vita della famigliola ma anche i suoi equilibri sociali... «Il conflitto tra regioni», spiega Miniero, «questa volta è solo sullo sfondo. Nel film, vizi e pregiudizi del sud vengono esportati al nord. E si parla di meridionali che, una volta nel Settentrione, rinnegano la propria identità. Sia pure in piena globalizzazione, io continuo a puntare sulla realtà locale che offre ancora tanti spunti». È d’accordo anche Papaleo, sempre più a suo agio nei panni del meridionale: «Rocco rappresenta la sintesi del sud», dice Miniero. «Le radici sono importantissime, tengono in piedi gli individui», rilancia l’attore lucano. «Io rimango fermamente ancorato alle mie che mi consentono di succhiare dalla terra il nutrimento indispensabile per un artista».



IL MESSAGGIO

Del suo personaggio, Paola Cortellesi dice: «Maltratta il marito e i figli, è scortese con tutti: non è certo una donna che amo. Ma proprio per questo interpretarla è stata una bella sfida». E qual è il messaggio del film? «Anche se potrà sembrare conservatore, è molto semplice: la salvezza è nel privato, alla fine la famiglia resiste alla società», spiega Miniero. E dal film all’Italia di oggi, il passo è breve. Papaleo, imiterebbe mai un politico? «No, mai, con tutto il rispetto e l’ammirazione per i comici che fanno satira», risponde l’attore. «Con certe cose non si scherza: la degenerazione attuale, secondo me, è stata agevolata dalla mania di buttare tutto in burletta. Apprezzo i politici che sono in grado di regalarmi un sogno, come Obama a suo tempo. Anche se le cose non sono andate secondo il previsto, aveva acceso la speranza». In Italia chi potrebbe accenderla? «Renzi. È l’uomo del momento, speriamo che ci riesca».
Ultimo aggiornamento: 4 Gennaio, 09:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma