Parma-Samp 2-0 nel segno di Cassano:
un gol e tanti assist nel suo derby del cuore

Domenica 4 Maggio 2014 di Vanni Zagnoli
Un girone fa, Antonio Cassano voleva tornare a tutti i costi a Genova, Mihajlovic però era perplesso, mentre il presidente Garrone l’avrebbe rivoluto a patto di spendere poco. Nell’1-1 d’andata restò fuori perchè si fece ammonire con il Cagliari e dunque squalificare, con l’inizio del mercato confessò la sua nostalgia blucerchiata ma rimase a Parma sereno, pagando però con un paio di panchine: oggi ha sbloccato la partita a favore dei crociati, mantenendoli a un punto dal Torino, in attesa del confronto diretto all’Olimpico granata. Aspettando il posticipo Lazio-Verona, la squadra di Donadoni resiste al settimo posto nonostante sia appena alla 2^ vittoria in 9 gare, dopo quei 17 risultati utili.



Alla Sampdoria basta chiudere davanti al Genoa, però ha mollato e non onora con un risultato utile la scomparsa di Boskov: l’allenatore dell’unico scudetto, conquistato nel ’91, è ricordato dallo striscione “Più in alto delle nuvole, ciao Vujadin”.



Al Tardini ci sono 4mila tifosi doriani, in mattinata è stata festa gialloblucerchiata, in virtù del gemellaggio trentennale.



L’avvio è della Sampdoria e Bajza (alla terza presenza in A) para su Soriano. Alla prima occasione i crociati passano grazie al contropiede di Biabiany su angolo blucerchiato: il francese aggira Regini, serve Parolo che non arriva bene sulla palla e allora è Cassano a infilare con sicurezza.



La difesa di Mihajlovic conferma i problemi recenti, Cassano lancia Acquah e Fiorillo si oppone. Poi una doppia occasione vicino alla porta, sulla girata di Lucarelli è Krsticic a salvare sulla linea, poi il portiere addomestica il tapin di Amauri.



La Samp riemerge dopo la mezzora, Gabbiadini costringe in angolo il portiere slovacco e poi su punizione mancina coglie il palo. Nella prima frazione il tempo effettivo è basso e il possesso palla risulta favorevole agli emiliani.



Alla ripresa esce Amauri, non al meglio, per Schelotto, l’oriundo manca il raddoppio su cross di Molinaro, idem Biabiany in diagonale su errore di Gastaldello. Al 28’ sempre Ezequiel Schelotto coglie il palo ma in fuorigioco, poi è Krsticic a calciare alto. Gargano subentra bene e avvicina il 2-0. Lo trova il levriero e gourmet (recensore su tripadvisor), alla quarta occasione personale: devia il tiro di Molinaro, innescato allo scadere da Acquah. Intanto Cassano era uscito, naturalmente applaudito da entrambe le tifoserie. Non segnava da 5 gare, è a 12 reti e sempre più vicino al mondiale, dopo i 3 europei. Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 00:32

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Giovani gamer isolati in casa. E intanto la pasta scuoce

di Raffaella Troili