ENPAP. Intesa per la psicologia di comunità

Martedì 14 Luglio 2020

ENPAP e l’impresa sociale “Con i Bambini” firmano un documento per contrastare la povertà educativa minorile grazie al contributo della Psicologia Professionale

ENPAP (l’Ente di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi) e l’impresa sociale “Con i Bambini” siglano un Protocollo d’Intesa con cui si impegnano a collaborare, in particolare nelle prossime fasi di uscita dall’emergenza sociale e sanitaria legata alla pandemia da Covid-19, con l’obiettivo di attivare interventi psicosociali per i minori, finalizzati alla prevenzione e al contrasto della povertà educativa  minorile.

“Con i Bambini” è una società senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD ed è nata nel 2016 per attuare i programmi del “Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile”. Il Fondo, istituito da un accordo tra Fondazioni di origine bancaria, Forum Terzo Settore e Governo, stanzia circa 80 milioni di euro l’anno per sostenere interventi – ad oggi sono stati finanziati 355 progetti in tutta Italia – finalizzati al contrasto dellapovertà educativa minorile, coinvolgendo un numero significativo di Psicologi per le attività a sostegno dei minori e delle famiglie. ENPAP, a sua volta, è impegnato a valorizzare l’apporto che la Psicologia professionale può dare al rilancio del Paese, in particolare in questa complessa fase post pandemica.

Nel Protocollo sottoscritto si rileva, infatti, che le applicazioni della Psicologia scientifica che si rifanno alla cosiddetta “Psicologia di Comunità” sono particolarmente adatte nella costruzione e gestione degli interventi di contrasto alla povertà educativa minorile e vanno maggiormente valorizzate in questo complesso momento di transizione.

Questa fase di persistente rischio epidemico implica, infatti, situazioni fortemente stressanti, collegate alle ricadute della fase emergenziale e riferibili genericamente alla perdita dei riferimenti sociali consueti e delle routine quotidiane. Per alcune tipologie di persone e di contesti sociali fragili, queste situazioni possono facilmente superare la capacità di fronteggiare le difficoltà, rendendo necessari interventi a sostegno delle persone a rischio di povertà e di marginalizzazione sociale, sanitaria ed economica. In particolare, i bambini appartenenti a realtà familiari a rischio appaiono sovraesposti a stress particolarmente intensi anche per il venir meno delle reti educative strutturate ed è essenziale attivare rapidamente, per loro e le loro famiglie, servizi di Psicologia professionale che siano in   grado di realizzare trattamenti psicosociali efficaci.

Tutti gli studi sono infatti concordi nel ritenere ampiamente probabili, in particolare per le categorie di persone a rischio, sequele psicologiche, sociali ed economiche gravi degli stravolgimenti legati alla crisi da Covid-19 e solo una presa in carico tempestiva delle diverse situazioni di fragilità può consentire di evitare il cronicizzarsi del disagio    e     l’attivarsi     del    circuito     vizioso     della    povertà   ingravescente.

«La Psicologia di Comunità fornisce tutti gli strumenti di comprensione e d’intervento per fare prevenzione, in campo psicologico e sociale, a contrasto della povertà. Mettere queste competenze al servizio del Paese in questo momento, soprattutto nei contesti in cui vecchie e nuove fragilità rendono più probabile lo scivolamento nella povertà educativa minorile, è assolutamente necessario. Dobbiamo agire in modo tempestivo, prima che la situazione si cronicizzi e “Con i Bambini”, per mission e sensibilità, è il partner più adatto per veicolare questa necessità anche verso l’opinione pubblica», sottolinea Felice Damiano Torricelli, Presidente di ENPAP. «La Psicologia professionale, e nello specifico l’insieme di conoscenze e competenze afferenti alla branca della Psicologia di Comunità, non solo può contrastare il fenomeno, ma può agire con una prospettiva di empowerment».

«Un aspetto centrale per contrastare efficacemente la povertà educativa è la possibilità di attivare le ‘comunità educanti’ e le varie agenzie educative dei territori, ponendo al centro degli interventi il minore – commenta Carlo Borgomeo, Presidente di Con i Bambini. Non solo la scuola, ma anche le famiglie, le organizzazioni del Terzo settore, le istituzioni, gli stessi ragazzi. In questo grande cantiere educativo, la psicologia di comunità rappresenta una risorse importante per arginare un fenomeno che riguarda il futuro dei bambini, degli adolescenti ma anche del Paese»

Con il Protocollo d’intesa si intende quindi mettere maggiormente in luce, all’interno dei progetti sostenuti dal Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, la figura professionale dello “Psicologo di Comunità” per mobilitare le risorse delle comunità territoriali a contrasto dei fenomeni di deriva che sostengono la povertà educativa e costruire interventi psicosociali di tipo partecipativo.

Saranno quindi elaborate ‘linee operative’ che favoriscano il potenziamento del ruolo degli Psicologi nei progetti sostenuti da “Con i Bambini”, anche organizzando con il coinvolgimento di Università, Ordini Professionali e Società Scientifiche, esperienze per promuovere la crescita e lo sviluppo dei minori attraverso pratiche efficaci di sostegno psicologico nonché percorsi formativi per Psicologi e Operatori Sociali sui temi relativi alla ricostruzione e riorganizzazione dei legami e delle relazioni nella fase post emergenza Covid.

L'articolo ENPAP. Intesa per la psicologia di comunità proviene da WeWelfare.

Ultimo aggiornamento: 22 Luglio, 12:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA