La lotta alla mafia in ognuno di noi
Ecco Dopo il silenzio, da un libro di Piero Grasso

Giovedì 4 Luglio 2013 di Ma. Sto.
Piero Grasso
Lo spettacolo Dopo il silenzio, tratto dal libro del presidente del Senato Pietro Grasso dal titolo Liberi tutti - adattato per la scena da Francesco Niccolini e Margherita Rubino - è diretto da Alessio Pizzech e interpretato, nei ruoli principali, da Sebastiano Lo Monaco e Mariangela D’Abbraccio.



«Dopo la significativa esperienza di Per non morire di mafia - dice il regista - una nuova avventura teatrale che, in uno scenario politico e sociale sempre più disorientante, mette al centro un confronto vero e reale sulla Storia in cui la parola teatrale diventa strumento di indagine e comprensione». Il palcoscenico, quindi, si fa agorà - spazio di formazione e riflessione - che raccoglie esperienze e pensieri per diffonderne l’essenza. «Il dialogo tra generazioni diventa l’asse attorno a cui ruota la scrittura scenica. Il dovere che Pietro Grasso si dà è quello di passare la storia, di farla conoscere ai giovani. E l’immagine di partenza è quella di un Silenzio che parli, opposto a quel silenzio omertoso che vogliamo cancellare». La mafia assume quindi prima la forma di fenomeno esterno per poi rivelarsi una condizione interiore dell’uomo, una reazione a problematiche sociali, «una mafia che nasce in ognuno quando il dialogo con i propri valori non è aperto e leale».



La presenza della donna si definisce, invece, come rappresentazione della cultura dell’amore in opposizione a quella del sangue. «La donna - conclude il regista - si pone accanto all’uomo come educatrice». Al Teatro San Nicolò. Il 5 luglio alle 17.30, il 6 e il 7 luglio alle 18. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi