Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bimbo di 6 mesi ha un malore, la mamma chiede aiuto ai carabinieri: morto in caserma

1 Minuto di Lettura
Martedì 24 Giugno 2014, 14:07 - Ultimo aggiornamento: 26 Giugno, 08:17
​TAURIANOVA (REGGIO CALABRIA) - Un bimbodi appena sei mesi, vittima di un malore mentre la madre lo stava allattando, morto a Taurianova nella caserma della Compagnia dei carabinieri dove la donna era stata accompagnata da un automobilista di passaggio cui aveva chiesto soccorso.



Le cause del decesso devono essere accertate. Il bambino è morto malgrado l'intervento del 118, subito allertato dai carabinieri. La madre del piccolo deceduto è una romena di 19 anni.



La giovane donna, che era sola in casa, si è accorta che il bambino presentava dei problemi e, in preda al panico, è corsa fuori dall'abitazione per chiedere aiuto. Successivamente, anche per lo shock subito, non è stata in grado di dare una spiegazione all'accaduto. L'ipotesi più verosimile è che il bambino possa morto a causa di un rigurgito. Del decesso del piccolo è stata informata l'autorità giudiziaria anche se, al momento, non è stata disposta l'effettuazione dell'esame autoptico.



A rendere nota la vicenda intervengono è stato l'Osservatorio sui diritti dei minori, con un comunicato a firma del presidente, Antonio Marziale, e del vicepresidente Antonino Napoli. «Desta sconcerto - dicono - il fatto che una madre, in piena emergenza, debba ricorrere all'aiuto dei militari dell' Arma per prestare soccorso al suo bambino. Non diciamo che il piccolo si sarebbe potuto salvare, perchè non conosciamo i risvolti intrinseci della vicenda, ma certo è che è inaccettabile lasciare un'utenza di oltre quindicimila abitanti sprovvista di un ospedale per le prime emergenze».