Avocado, ne basta mezzo al giorno per stare bene e ridurre il rischio di sindrome metabolica

Mercoledì 13 Marzo 2013
Avocado, ne basta mezzo al giorno per stare bene e ridurre il rischio di sindrome metabolica
ROMA - Arriva dalle aree tropicali dell'America Centrale il frutto che, se consumato regolarmente, favorisce l’assunzione dei nutrienti, aumenta il colesterolo buono e riduce il rischio di sindrome metabolica. Si tratta dell'avocado, che solo tecnicamente può essere considerato un frutto. In realtà è un vero e proprio alimento: fonte di proteine, grassi salubri, acidi grassi essenziali e steroli vegetali benefici. Facile da digerire contiene più potassio delle banane e più proteine del latte vaccino, assieme a pochissimo zucchero e a tutti gli amminoacidi essenziali. Ne basta mezzo al giorno, circa 70 grammi, per abbassare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue e a ridurre del 50% il rischio di incorrere in problemi cardiovascolari e di obesità. A sostenerlo sono i dati relativi a 17 mila abitanti degli Stati Uniti, raccolti dai Center for Disease Control and Prevention e pubblicati sul Nutrition Journal, secondo cui all'assunzione di mezzo avocado al giorno corrisponde un considerevole aumento dell'assunzione di fibre (+36%), di vitamina E (+23%), di potassio (+16%), di vitamina K (+48%). Ultimo aggiornamento: 21 Marzo, 17:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA