ROMA

21 maggio 1973 Muore Carlo Emilio Gadda, l'ingegnere del Pasticciaccio brutto

Martedì 6 Maggio 2014 di Enrico Gregori
21 maggio 1973 Muore Carlo Emilio Gadda, l'ingegnere del Pasticciaccio brutto
Muore a Roma Carlo Emilio Gadda. Il celebre scrittore (ma anche poeta e ingegnere) era nato a Milano nel 1893. Nel 1940, abbandonata ormai definitivamente la professione di ingegnere, si trasferì a Firenze dove visse fino al 1950. Nel 1944 pubblicò L'Adalgisa, una raccolta di racconti di ambiente milanese, un quadro storico-satirico della borghesia milanese nel primo trentennio del Novecento, affiancato da note che danno un rimando saggistico all'opera. Nel 1950 Gadda si trasferì a Roma dove lavorò presso la RAI per i servizi di cultura del Terzo programma radiofonico fino al 1955.

Nel 1957 venne pubblicato "Quer pasticciaccio brutto de via Merulana" (probabilmente la sua opera più conosciuta), uno sperimentale romanzo giallo ambientato nei primi anni del fascismo che era già apparso in una prima versione nel 1946-1947 sulla rivista Letteratura. Da quest'opera nel 1959 fu tratto il film "Un maledetto imbroglio" del regista Pietro Germi. Ultimo aggiornamento: 21 Maggio, 00:05