Stalking al nuotatore Alex di Giorgio, l'appello del tronista Ivano Marino slitta per Covid

Stalking al nuotatore Alex di Giorgio, l'Appello di Ivano Marino slitta per Covid
2 Minuti di Lettura
Martedì 8 Dicembre 2020, 13:42

Slitta il processo di Appello, intentato dall'ex tronista di "Uomini e Donne", Ivano Marino, dopo la condanna ad un anno e due mesi di carcere per stalking nei confronti del nuotatore Alex di Giorgio. L'udienza si sarebbe dovuta tenere in questi giorni, ma i legali dello sportivo hanno ricevuto la comunicazione di rinvio, legata anche al Covid. Sempre in questi giorni, Di Giorgio ha declinato l'invito a partecipare al Grande Fratello Vip.

Leggi anche:-> «Dico a tutti che sei gay», condannato Marino, tronista di Uomini e Donne. Perseguitava il nuotatore Di Giorgio

Secondo quanto accertato dai giudici, per due anni Marino ha perseguitato il nuotatore olimpico romano con la minaccia: «Dirò a tutti che sei gay». Per il fashion blogger e web influencer Ivano Marino, volto noto anche come ex corteggiatore del programma tv Uomini e Donne, nel marzo scorso, era arrivata la condanna a un anno e due mesi di carcere con la triplice accusa di stalking, sostituzione di persona e diffamazione. Marino per mesi avrebbe molestato l'atleta, frequentato per un breve periodo, con la minaccia di mettere a conoscenza l'ambiente sportivo della sua omosessualità. Le intimidazioni a raffica, sono arrivate per mesi tra il 2013 e il 2014, con telefonate ripetute, ma anche con pedinamenti. Mentre sul web proliferavano fake a nome dell'atleta. In una udienza blindata a raccontare le pressioni subite dal nuotatore era stato chiamato dalla procura anche il cantante Marco Carta. «E' vero, voleva far circolare quella voce», aveva confermato l'artista sardo, a pochi giorni dalla sua proclamazione di campione di Tale e Quale Show, su Rai 1.

© RIPRODUZIONE RISERVATA