Nicolas Cage divorzia dopo tre mesi, è la quarta volta: «Ero troppo ubriaco per dire di si»

Nicolas Cage
di Paolo Travisi
2 Minuti di Lettura
Lunedì 3 Giugno 2019, 17:25

Appena 69 giorni di matrimonio per Nicolas Cage. Il popolare attore di Hollywood ha ottenuto il divorzio da Erika Koike, sposata il 23 marzo a Las Vegas. Un matrimonio difficile già poche ore dopo il si, perché Cage ne avrebbe chiesto l'annullamento trascorsi i primi 4 giorni. Secondo il noto sito americano di gossip TMZ, il giudice di Clark County ha acconsentito alla richiesta dell'attore, che tra le motivazioni a supporto della sua decisione avrebbe riferito di essere, al momento della pronuncia del si, troppo ubriaco per farlo.

Nicolas Cage si sposa, quattro giorni dopo chiede l'annullamento delle nozze: «Era una frode»

E successivamente avrebbe aggiunto di essere stato vittima di una frode, perché l'ex-moglie gli avrebbe mentito sul suo passato criminale e sulla relazione sentimentale con un'altra persona. Motivazioni sufficienti per l'attore 55enne, per giungere al suo 4° divorzio.

Facendo un passo indietro al giorno del matrimonio, c'è un video in cui si vede la coppia discutere animatamente fuori dal celebre Hotel Bellagio poche ore essere divenuti marito e moglie. Un testimone oculare, riferisce il sito dailymail.com, avrebbe visto l'attore di Con Air in un evidente stato di ubriachezza mentre si rivolgeva alla donna, a cui gridava di avere un fidanzato spacciatore di droga.

Erika Koike, secondo le informazioni pubblicate dal sito, sarebbe stata arrestata due volte a Los Angeles, nel 2008 e 2011, e sottoposta ad un rigido programma di disintossicazione da alcol e droga.
Gli avvocati che hanno seguito Nicolas Cage nelle pratiche per ottenere il divorzio, hanno sottolineato che “prima di richiedere la licenza di matrimonio e prender parte alla loro cerimonia, entrambi erano intossicati da alcol e quando Koike gli chiese di sposarlo, Cage avrebbe acconsentito senza la capacità di comprendere le conseguenze della sua azione”.
 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA