Enzo Paolo Turchi: «Ero povero, a Napoli nel dopoguerra lavoravo per 20 lire al giorno»

Mercoledì 12 Giugno 2019
1
Enzo Paolo Turchi: «Ero povero, a Napoli nel dopoguerra lavoravo per 20 lire al giorno»

«Ho iniziato a lavorare nel dopoguerra, quando a casa mia non c’era la luce. A 8 anni lavoravo: guadagnavo 20 lire al giorno, andavo a fare le pulizie per diplomarmi al San Carlo di Napoli come ballerino di danza classica». Lo ha rivelato Enzo Paolo Turchi, intervistato da Eleonora Daniele a Storie Italiane su Rai1. Il noto artista ha raccontato i suoi inizi, la povertà, i tanti sacrifici fatti per realizzare il sogno della sua vita: diventare un ballerino professionista. Un modello positivo per i giovani che Enzo Paolo Turchi porta avanti anche nell'accademia di danza da lui creata.

Enzo Paolo Turchi, pensione «da fame»: il mio assegno è di 720 euro

Enzo Paolo Turchi, pensione «da fame»: il mio assegno è di 720 euro

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, istrice gigante a spasso su Lungotevere: la Capitale sempre più bestiale

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma