Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Paola Spalvieri, romana trovata morta in un dirupo ad Alvito, incidente o altro? Disposta l'autopsia

Non è infatti ancora chiaro come sia precipitata nel dirupo, se possa essere scivolata o se si sia trattato di un malore.

Paola Spalvieri
di Roberta Pugliesi
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Agosto 2022, 07:47 - Ultimo aggiornamento: 16:48

 Esce di casa per raccogliere fiori ma viene trovata morta in una scarpata. La tragedia si è consumata nella tarda serata di lunedì ad Alvito dove una donna di 56 anni, Paola Spalvieri residente a Roma ma originaria della Valle di Comino, ha perso la vita in circostanze drammatiche. Aveva atteso che spiovesse ed era uscita di casa intorno alle 18.30 comunicando ai suoi familiari - il marito e la figlia arrivati insieme a lei due giorni prima per trascorrere le vacanze nel paese d'origine - che voleva raccogliere le cosiddette monete del Papa, erbe aromatiche ma anche decorative con i fiori simile ad ostie. Non vedendola tornare per l'ora di cena hanno iniziato a chiamarla sul cellulare che squillava. Hanno telefonato decine di volte e ad un certo punto, non ricevendo alcuna risposta, hanno iniziato a preoccuparsi al punto da chiedere aiuto ai carabinieri.

LE RICERCHE

Erano circa le ore 21 quando sono scattate le ricerche e attraverso la geo localizzazione del telefono cellulare è stata individuata l'area, nei pressi di Piazza della Vittoria, in pieno centro. A quel punto è stato fatto intervenire il gruppo speleologico che munito di corde ha iniziato la difficile discesa nel dirupo sottostante la piazza. Le operazioni sono state particolarmente difficoltose anche a causa dell'oscurità. Intorno alla mezzanotte tra la vegetazione gli speleologi hanno notato il corpo della donna. In quel momento si sono spente le speranze di ritrovare in vita Paola. Sul posto c'erano anche i vigili del fuoco del distaccamento di Sora, la protezione civile, i carabinieri del radiomobile della compagnia di Sora e di carabinieri forestali di Atina. È stato richiesto l'intervento anche del 118.

La salma della donna è stata quindi trasferita dapprima presso l'obitorio del cimitero comunale di Sora dove ieri mattina il medico legale ha effettuato l'ispezione cadaverica. Successivamente è stata spostata presso l'obitorio dell'ospedale Santa Scolastica di Cassino per un'eventuale esame più approfondito sulla salma. Il pubblico ministero Alfredo Mattei, titolare del fascicolo, ha disposto tutti gli accertamenti necessari per chiarire, oltre alle cause del decesso su cui non ci sono dubbi, anche la dinamica dell'incidente. Non è infatti ancora chiaro come sia precipitata nel dirupo, se possa essere scivolata o se si sia trattato di un malore. L'area è di proprietà del Comune ed è delimitata da una recinzione. C'è un piccolo cancelletto ed è stato trovato leggermente aperto. Potrebbe essere passata di lì per cercare i fiori. Di certo per i residenti si tratta di un luogo pericoloso: «Quel dirupo lo chiamavo dell'orrore' per la sua profondità oscura e inquietante. Povera donna», scrive una signora sui social network. Il canalone che attraversa la vegetazione, lungo il quale la donna è precipitata, è lungo circa trenta metri.
Il fatto che l'incidente sia avvenuto in un'area di proprietà del Comune potrebbe avere anche risvolti nell'inchiesta aperta dalla Procura di Cassino. Il fascicolo per ora è contro ignoti, ma intanto l'amministrazione comunale ha incaricato l'avvocato Nicola Ottaviani vista la gravità i quanto avvenuto. Ieri il legale, il sindaco e i tecnici hanno fatto un sopralluogo nei pressi dell'area teatro dell'incidente, ovviamente all'esterno di quella posta sotto sequestro.

IL LUTTO

Prostrati da dolore i familiari che vogliono sapere esattamente che cosa sia successo. Paola Spalvieri era una donna piena di vita, allegra, dinamica; tornavano volentieri nella casa paterna nella Valle di Comino e anche quest'anno avevano deciso di trascorrervi qualche giorno. Paola era un tecnico di laboratorio presso l'ospedale di Ostia e conduceva una vita tranquilla e spensierata. L'amministrazione comunale ha deciso di annullare gli eventi in programma per ieri sera in segno di rispetto per il tragico incidente.
Roberta Pugliesi
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA