Studentesse molestate, professore condannato a tre anni e sei mesi

Studentesse molestate, professore condannato a tre anni e sei mesi
di Marina Mingarelli
3 Minuti di Lettura
Sabato 30 Ottobre 2021, 11:34 - Ultimo aggiornamento: 14:19

Molestie sessuali su alcune studentesse dell'alberghiero di Fiuggi, ex professore dell'istituto condannato a tre anni e sei mesi di reclusione. I fatti risalgono alla fine del 2016 quando il docente che non perdeva occasione per palpeggiare le sue allieve era arrivato ad intrecciare una vera e propria relazione con una ragazzina di 14 anni.
Secondo gli elementi raccolti dalla pubblica accusa il professore si guardava bene dal molestare le ragazze più scaltre perché sapeva che da loro non avrebbe potuto ricavarne nulla. Cercava di far cadere nella sua rete quelle più fragili, quelle che vivevano problemi di disagio.

A mettere fine a quei comportamenti equivoci, una amica della ragazzina che era stata abusata dal professore. L'adolescente si è presentata presso l'associazione La "Caramella buona" una onlus che si occupa della violenza sui minori ed ha raccontato agli operatori quello che le studentesse erano costrette a subire dal professore. E se qualcuna provava ad opporsi, lui, approfittando del suo ruolo, era subito pronto ad abbassarle il voto.

Le indagini avviate dalla Procura hanno portato il docente sotto processo. La ragazzina di 14 anni abusata dall'imputato (i rapporti sessuali venivano consumati a casa del professore o sul Lago di Canterno) si è costituita parte civile insieme alla Caramella buona rappresentata dall'avvocato Monica Nassisi. La corte era presieduta dal giudice Francesco Mancini. Il pubblico ministero Samuel Amari aveva chiesto sette anni di carcere.

Le reazioni

«Giustizia è fatta, ancora una volta La Caramella Buona ha individuato una mela marcia ha dichiarato Roberto Mirabile presidente della onlus - e, grazie alla collaborazione delle Forze dell'ordine e alla sentenza di oggi, ha arginato un sex offender che approfittava del suo ruolo per far del male alle sue alunne minorenni».

«Dopo 4 anni si chiude oggi una vicenda dolorosa - afferma la dottoressa Anna Maria Pilozzi responsabile della sede di Acuto dell'associazione - Una condanna che spero sia da monito, una condanna che spero faccia riflettere le tante persone omertose che pur sapendo non hanno alzato un dito per aiutare le tante ragazzine vittime dell'ex insegnante. Il mio pensiero ora è per loro che nel frattempo sono diventate giovani donne: le auguro di ritrovare serenità e fiducia, di voltare pagina forti e consapevoli di essere state credute, non solo da noi, ma da un insindacabile Tribunale».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA