Rugby Serie C, Ceccano in finale di Coppa Lazio: «Oggi è il grande giorno»

Il Fabraternum, in vetta al girone per la prima volta in quasi 20 anni, se la vedrà con il Nea Ostia allo stadio Corviale di Roma. L’appuntamento con la storia: «Partita figlia di sacrifici, sudore e fango, quasi la chiusura di un cerchio».

Il Fabraternum Ceccano Rugby, in finale di Coppa Lazio nel campionato di Serie C
di Marco Barzelli
2 Minuti di Lettura
Domenica 26 Maggio 2024, 13:36

«Oggi è il grande giorno», posta il Ceccano Rugby in vista della finale della Coppa Lazio di Serie C. Alle ore 18 di oggi, domenica 26 maggio, la sfida con il Nea Ostia allo stadio Corviale di Roma. Il Fabraternum ha centrato il primato nel proprio girone per la prima volta nella sua storia, ormai quasi ventennale.

Un fiume di emozioni bagna la partita più importante di sempre per la società presieduta da Gianpiero Di Fiore. La pandemia aveva spazzato via il campionato del 2020, quando il Ceccano era saldamente in vetta alla classifica. Ora l’occasione di tornare nel Campo Vespasiani di Ceccano con il primo trofeo importante.

Andrebbe a premiare un movimento cresciuto e diventando grande in un ambiente senza la benché minima tradizione rugbistica. A tifare per la prima squadra, oltre alla grande famiglia allargata delle "Volpi" ceccanesi, ci sono ormai anche floride giovanili: i "Volpini". 

Ceccano Rugby: «Finale figlia di sacrifici, sudore e fango»

«L' attesa è finita, finalmente si scende in campo - così il Ceccano Rubgy -.

Appuntamento con la storia per la formazione ceccanese che, per la prima volta dalla sua fondazione, giocherà una finale di campionato. In palio, la Coppa Regionale di Serie C. A sfidarli, i vincitori del Girone A, quel Nea Ostia che già in passato è stato avversario di partite epiche e sempre incerte fino all' ultimo minuto».

«Questa partita - aggiungono - è figlia di anni di sacrifici, di sudore e fango, di sconfitte brucianti e vittorie rocambolesche, di annate difficili e di altre esaltanti, e per certi versi può considerarsi quasi la chiusura di un cerchio

«D'altronde - spiegano infine - la prima partita ufficiale del Ceccano Rugby venne disputata proprio al Corviale, una clamorosa batosta subita contro il fortissimo Villa Pamphili, ormai tanti anni fa. Mancano 80 minuti e, se è vero che è già bello esserci, siamo sicuri che vincere renderebbe il tutto ancora più bello: noi ci crediamo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA