Serena Mollicone, l'amico del brigadiere Tuzi rivela: «Santino mi confessò di averla vista entrare in caserma»

Questa mattina si è conclusa l’istruttoria e la settimana prossima inizieranno le discussioni

Serena Mollicone
di Vincenzo Caramadre
2 Minuti di Lettura
Giovedì 23 Maggio 2024, 13:29 - Ultimo aggiornamento: 26 Maggio, 17:05

Processo d'appello per l'omicidio di Serena Mollicone, colpo di scena all'ultima udienza dibattimentale, l'amico di Tuzi cambia versione e rivela: "Santino mi confessò di averla vista entrare in caserma il primo giugno 2001 e di non averla mai più vista uscire". Sono state le parole di Marco Malnati, l'amico del brigadiere che nel 2008 si tolse la vita dopo la dichiarazione choc sull'ingresso in caserma la mattina della scomparsa. 

L'uomo in primo grado aveva riferito una versione diversa, ma questa mattina in aula, dinanzi alla corte d'assise d'appello di Roma ha detto: "Ero impaurito per me e per la mia famiglia, oggi che i miei figli sono maggiorenni mi sento più libero". 
Al processo, come noto, ci sono l'ex comandante dei carabinieri della Arce Franco Mottola, suo figlio Marco e sua moglie Annamaria; ma anche i due carabinieri Francesco soprano e Vincenzo Quaatrale tutti assolti in primo grado dalla corte d'assise di Cassino il 15 luglio 2022.

© RIPRODUZIONE RISERVATA