L'eterna sfida di Torrice, Santangeli sindaco con 88 voti di scarto su Assalti

Torrice
di Valentino Mingarelli
3 Minuti di Lettura
Martedì 5 Ottobre 2021, 07:59 - Ultimo aggiornamento: 15:19

Torrice ha scelto, il sindaco è Alfonso Santangeli. La notizia ufficiale ieri sera pochi minuti prima delle undici, al termine di una giornata lunghissima ed intensa. Dopo una campagna elettorale a dir poco infuocata, con i contendenti che non si sono risparmiati in nulla, con comizi molto partecipati, ieri sera dopo lunga attesa il responso. Il tutto al termine di uno scrutinio palpitante, tenutosi di fatto a porte chiuse con la sola presenza degli addetti ai lavori (presidenti di seggio, scrutatori, rappresentanti di lista, forze dell’Ordine e funzionari del  Comune), con il risultato sempre in bilico, che ha in finale visto appunto Santangeli della lista “Torrice C’è”  vittorioso per appena 88 voti di scarto sul secondo Assalti che guidava la lista “Noi con Assalti sindaco”, più staccato invece il terzo candidato Massimiliano Vincenzi sostenuto dalla lista Torrice Futura. Alfonso Santangeli ha infatti ottenuto 1452 voti, mentre Mauro Assalti 1364 e Massimiliano Vincenzi  546. A recarsi ai cinque seggi sono stati 3411 elettori pari al 74% degli aventi diritto.

Ora Torrice è chiamata a voltare pagina dalle infinite polemiche degli ultimi tre anni, quando prima vi fu la vittoria di Assalti per appena 4 voti su Santangeli e poi a seguire le contestazioni, le polemiche e il ricorso dello stesso Santangeli. A seguire l’annullamento delle elezioni da parte del Consiglio di Stato nel luglio del 2020 per dubbi sulla regolarità, e infine l’arrivo del commissario prefettizio. Ieri il responso elettorale con il neo sindaco Santangeli. Come si ricorderà tre anni fa Assalti ad imporsi su Santangeli per appena 4 voti, 1587 su 1583, oggi invece ha vinto lo sconfitto di tre anni fa con 88 voti di scarto. Un paese quindi di fatto spaccato in due che ha bisogno ovviamente, oltre che di una saggia amministrazione, soprattutto di una pacificazione, come dire comunale, poiché la contesa politico-amministrativa, di per se sempre conflittuale ovunque, ha raggiunto qui nel paese alle porte del capoluogo un livello troppo elevato, quasi insostenibile.

“Con il voto popolare di oggi – ha dichiarato il neo sindaco Alfonso Santangeli mentre veniva portato in trionfo dai suoi sostenitori – Torrice volta finalmente pagina. La prima cosa da fare è quella di riportare armonia in una comunità troppo divisa negli ultimi tempi. Ringrazio tutti coloro che hanno avuto fiducia in me e rivolgo a tutta la popolazione torriciana un messaggio chiaro e preciso: sarò il sindaco di tutti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA