Ripartenza, il forum con ministri e big dell'economia alle Terme di Fiuggi

Le Terme Bonifacio VIII
di Annalisa Maggi
5 Minuti di Lettura
Domenica 13 Giugno 2021, 02:10 - Ultimo aggiornamento: 16:51

Come superare la pandemia e trovare la strada per ripartire? Alla domanda, di stretta attualità, cercheranno di dare risposta i partecipanti al forum “Ritorno al futuro: il mondo che verrà” in programma a Fiuggi il prossimo fine settimana presso le Terme di Bonifacio.

L’evento è organizzato dal Comune e da Acqua & Terme Fiuggi, azienda controllata dall’ente di piazza Trento e Trieste e prossima alla cessione delle quote, in occasione dell’inaugurazione della stagione estiva delle terme gestite proprio da Atf insieme all’impianto di imbottigliamento e al campo da golf.

I big della politica nazionale, regionale e locale, insieme alle parti sociali e a esponenti del mondo dell’associazionismo e della cultura, saranno i protagonisti della due-giorni all’insegna della riflessione sulla strada che i territori devono intraprendere per partecipare alla grande trasformazione che l’Italia dovrà mettere in atto dopo la pandemia. 

I ministri Mara Carfagna, Renato Brunetta, Stefano Patuanelli, Massimo Garavaglia, il sottosegretario al Ministero della transizione ecologica Ilaria Fontana, insieme al presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti e a tanti altri nomi della politica e dell’informazione, si confronteranno sulla necessità di cambiare gli stili di vita, la produzione energetica, la gestione delle risorse, la produzione agroalimentare e industriale, la mobilità, l’offerta turistica, la gestione degli spazi e tanto altro.

A moderare le due giornate (18 e 19 giugno) saranno Andrea Pancani, Maria Elena Capitanio, Massimiliano Lenzi, Nunzia De Girolamo. 

«Da tempo Fiuggi è punto di riferimento in termini di salute e benessere – sottolineano gli organizzatori - Il connubio tra le proprietà dell’acqua curativa, la bellezza delle terme, il campo da golf, le strutture ricettive, le ricchezze ambientali e storiche, le aree protette, la possibilità di svolgere attività sportiva immersi in un contesto naturale avvolgente, rappresentano un punto di forza del panorama italiano e presupposti d’eccezione per accompagnare il processo di sviluppo sostenibile. Tuttavia sono tanti i Comuni italiani che possono offrire le proprie specificità e che aspettano di essere parte dell’evoluzione che li porterà a diventare, in questo momento cruciale per il Paese, le città del futuro. Ora più che mai è necessario, dopo la crisi e l’immobilità generate dalla pandemia e attraverso l’occasione rappresentata dal nuovo Piano nazionale di ripresa e resilienza, dare ai territori nuovo slancio e comunicare la nuova via».

L’appuntamento «sarà ripetuto nei prossimi anni – annuncino - per accompagnare l’Italia in questa complessa trasformazione».


GUIDO D'AMICO (CDA ACQUA E TERME)

Guido D’Amico, presidente di Confimpresa e consigliere del Cda Acqua e Terme di Fiuggi, è uno dei promotori del Forum. «In questa fase di ripartenza - spiega - è necessario che la politica spieghi ai comuni, alle imprese e ai cittadini quale sia la strada da intraprendere».
«Ma questo evento - aggiunge - è il primo di una lunga serie, che riporterà Fiuggi al centro di importanti appuntamenti nazionali. Nel corso dell’estate, infatti, seguiranno un rilevante evento sportivo; la presentazione del libro-scandalo dell’ex magistrato Palamara e, a settembre, un altro appuntamento legato all’Economia. Insomma, il nostro obiettivo è promuovere Fiuggi e, in particolare, la sua preziosa Acqua, ambasciatrice del nostro territorio non solo nel Lazio, ma in tutto il mondo».
«Mi preme ricordare - prosegue Guido D’Amico - che le confezioni di Acqua Fiuggi sono particolarmente richieste in Canada, così come in Russia, Gran Bretagna e Irlanda. A breve inizieranno importanti esportazioni anche in Cina. E un posto importante lo rivestono le confezioni di “Vivace”, un’acqua non proprio frizzante, ma gradevole a molti... Vivace, appunto».
Per la cronaca, va ricordato che l’Acqua Fiuggi, da sempre, si è distinta per la qualità delle sue confezioni “rigorosamente in vetro”. 
«E’ vero - prosegue Guido D’Amico - uno dei nostri obiettivi primari è sempre stato il rispetto per l’ambiente; non a caso la confezione in tetra pak è stata eletta “prodotto dell’anno 2021 - acque green” a seguito del gradimento di ben 12 mila consumatori che hanno apprezzato la nostra confezione».
Infine il rapporto con il personale. «Questo - spiega D’Amico - è un altro aspetto che abbiamo curato con tanta attenzione. Oggi abbiamo 98 dipendenti e, soprattutto, abbiamo ricostruito un clima di collaborazione e di stima che, negli anni passati, non era stato particolarmente brillante».
Dunque, il processo di privatizzazione si avvia verso la consegna di un’azienda sana, con bilancio in attivo. Basti pensare che nel 2017 fu rilevata con un passivo di oltre 4 milioni, diventati 3 nel 2018 fino al risultato record di un bilancio in attivo nel 2020 (nonostante le ristrettezze della pandemia).
IL SINDACO E L’ASSESSORE
In conclusione, il sindaco di Fiuggi Alioska Baccarini e l’assessore al Turismo Simona Girolami hanno commentato: «E’ motivo d’orgoglio e vanto ospitare un Forum di così grande importanza e portata. Una due-giorni di riflessione e confronto su temi che vanno ad impattare sull’Italia e sul mondo che verrà, con lo sguardo rivolto a ciò che più preme: il futuro dei nostri figli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA