Pronto il primo rinforzo per il Frosinone, D'Elia in arrivo dall'Ascoli

Domenica 12 Gennaio 2020 di Maurizio Di Rienzo
Manca solo l'ufficialità, ma nel Frosinone la casella lasciata vuota da Eguelfi, passato alla FeralpiSalò in C, sta per essere occupata da Salvatore D'Elia in arrivo dall'Ascoli, come alternativa a Beghetto. Il giocatore, in scadenza con i marchigiani a giugno 2021, è atteso domani in mattinata a Villa Stuart a Roma dove si sottoporrà alle rituali visite mediche. Dovrebbe legarsi al Frosinone fino al 30 giugno 2023.

Cresciuto nelle giovanili della Juventus dove è rimasto fino al 2013, D'Elia è un terzino sinistro di categoria che nell'attuale stagione ha collezionato 11 presenze, 9 in campionato e 2 in Coppa Italia. In passato ha giocato a Figline, Portogruaro, Unione Venezia, Vicenza, che lo ha ceduto al Bari a luglio 2017, per poi arrivare all'Ascoli l'anno successivo. Ricalca un po' le caratteristiche tecniche di Beghetto perché come lui è più portato ad attaccare che a difendere, ma D'Elia è un elemento che, nelle intenzioni del club, dovrebbe portare il proprio bagaglio di esperienza e affidabilità.

Riempita la casella che si era svuotata con la partenza di Eguelfi, il Frosinone ha bisogno di rinforzare il centrocampo e l'attacco che rimangono le questioni più spinose da risolvere da qui al 31 gennaio, ultimo giorno di mercato. Della lista della spesa fanno parte sempre Dezi del Parma (è in prestito ad Empoli) e Memushaj del Pescara, anche se per l'albanese dopo la pace fatta con l'allenatore ci sarebbero pochissime possibilità di strapparlo al club del presidente Sebastiani che lo ha giudicato un giocatore fondamentale per il Pescara. Maggiori probabilità potrebbero esserci per Dezi, ma pare che l'interesse degli uomini di mercato del Frosinone in queste ultime ore si sia spostato più a sud. Nel mirino, infatti, sarebbe finito Marco Firenze, 26 anni, della Salernitana, 64 presenze in B, con 12 gol segnati e 5 assist.

Nell'attuale campionato il centrocampista genovese ha messo insieme 9 presenze (con un gol) e 2 in Coppa Italia. Vorrebbe giocare di più e la destinazione Frosinone sarebbe gradita. In passato Firenze, che può fare il trequartista, il centrale e l'ala sinistra, ha indossato la maglia di Catanzaro, Parma, Pro Vercelli, Siena, Paganese, Venezia e a più riprese del Crotone che l'anno scorso lo ha ceduto, appunto, alla Salernitana.
Al di là dell'interesse per Firenze, comunque, non sembra definitivamente tramontata la pista Gerbo in uscita dall'Ascoli che ha bisogno di sfoltire il numero dei centrocampisti. D'altra parte Gerbo è un elemento che il Frosinone ha inseguito nel mercato dell'ultima estate e non solo.


Ma è il problema dell'attaccante che il club non riesce ancora a risolvere e, purtroppo per Nesta, la soluzione non sembra dietro l'angolo. Il Frosinone ha cercato di mettere le mani su Moncini della Spal e Donnarumma del Brescia, ma il primo è finito al Benevento e per prendere il secondo ci vogliono dai 3 ai 4 milioni di euro.
Questo, almeno, sarebbe il prezzo fissato per la punta centrale da Cellino, patron delle rondinelle, una cifra fuori dalla portata della società giallazzurra.

Intanto, raffreddatasi almeno per ora la pista Ardemagni dell'Ascoli, club con il quale il Frosinone aveva allacciato la trattativa per un doppio scambio (Ardemagni-Gerbo per Trotta-Matarese), i ciociari avrebbero pensato a Stefano Moreo, 26 anni, punta centrale di 191 centimetri in forza all'Empoli dove un anno fa è arrivato a costo zero dal Palermo.

Per colpa di un infortunio, in campionato vanta soltanto 7 presenze oltre alle 2 in Coppa Italia. Il filo del discorso per Ardemagni, però, potrebbe essere ripreso. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma