Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Piromani scatenati, le fiamme lambiscono l'ingresso del cimitero

Piromani scatenati, le fiamme lambiscono l'ingresso del cimitero
di Roberta Pugliesi
3 Minuti di Lettura
Sabato 2 Luglio 2022, 09:32

Piromani scatenati ad Arpino. Ore di fuoco per i volontari della Protezione civile ed i pompieri impegnati su più fronti in questi giorni di caldo torrido. E scatta l'allerta con le temperature che sfiorano i 40°. La giornata di giovedì si è caratterizzata per ben due importanti incendi che hanno distrutto in poco tempo vegetazione e decine di piante di ulivi. Particolarmente complesse le operazioni di spegnimento del primo vasto rogo che ha lambito il Cimitero e che si è propagato fino all'ingresso della Civitavecchia. Vigili del Fuoco e Protezione Civile si sono portati alla periferia del paese, in località Pelagalli dove le fiamme, alimentate dalle elevate temperature intorno ai 37 gradi, hanno bruciato numerose piante. Scattato l'allarme, sono arrivati i anche i volontari della Protezione Civile di Arpino guidati dal coordinatore Daniele Di Scanno.
Sul posto anche il presidente del Consiglio Andrea Chietini. Non esclusa l'origine dolosa del rogo. Il secondo incendio è divampato tra Collecarino e Girone nei pressi di alcune abitazioni. Anche li sono intervenuti i vigili del fuoco e la protezione civile, anche dalla vicina città di Sora, mentre un elicottero ha sorvolato la zona scaricando acqua sulle fiamme. Anche in questo caso l'incendio potrebbe essere stato appiccato da mani ignote. Indagano infatti i carabinieri della locale stazione.
I RINGRAZIAMENTI
«Vogliamo fare un ringraziamento ai VVF e all'operatore dell'elicottero che tempestivamente hanno evitato il peggio - scrivono sulla pagina social della Protezione civile i volontari della Ec Arpinum -. I nostri volontari e quelli di Sora sono stati e sono sempre impagabili e professionali ma è giusto anche dare merito ai cittadini, in particolare menzioniamo l'amico Alessandro Leone che ringraziamo per le bibite fresche e il fraterno Andrea Chietini che ci ha foraggiato con dei panini. E grazie poi a tutti gli anonimi cittadini che ci sostengono e ci aiutano nelle mille difficoltà che incontriamo durante le nostre attività». Con queste temperature le operazioni diventano particolarmente difficili e pericolose e per questo anche avere dell'acqua fresca può essere importante. Nei giorni scorsi sempre i volontari sono intervenuti nel comune di Campoli in località Carpello per un incendio che stava interessando alcuni terreni ed un canneto in un territorio particolarmente insidioso.
ALTRI ROGHI
Ancora prima due incendi sono divampati a Castelliri e Monte San Giovanni Campano. Il 15 giugno è iniziata la campagna antincendio boschivo che terminerà il 30 settembre. È questo il periodo di massima pericolosità nelle aree boscate, cespugliate, arborate o a pascolo. In base alle disposizioni regionali, è tassativamente vietato accendere fuochi di ogni genere; usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli; usare motori, fornelli o inceneritori che producano faville o brace; tenere in esercizio fornaci, forni a legna, discariche pubbliche e private incontrollate; fumare, gettare fiammiferi, sigari o sigarette accese. Ed ancora è vietato esercitare attività pirotecnica; transitare e/o sostare con autoveicoli su viabilità non asfaltata; transitare con mezzi motorizzati fuori dalle strade statali, provinciali, comunali, private e vicinali, fatta eccezione per i mezzi di servizio e per le attività agro-silvo-pastorali nel rispetto delle norme e dei regolamenti vigenti; abbandonare rifiuti nei boschi e in discariche abusive. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA