Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cassino, uccise il figlio di due anni: ergastolo annullato in appello. Il padre di Gabriel sconterà 24 anni

Cassino, uccise il figlio di due anni: ergastolo annullato in appello. Il padre di Gabriel sconterà 24 anni
di Vincenzo Caramadre
3 Minuti di Lettura
Martedì 19 Ottobre 2021, 11:38 - Ultimo aggiornamento: 17:01

La Prima Sezione della Corte di Assise di Appello di Roma, in seguito all'appello proposto dall'avvocato Pasquale Cardillo Cupo, ha annullato l'ergastolo inflitto in primo grado a Nicola Feroleto per l'omicidio del figlio Gabriel di soli due anni ed ha accolto la proposta di concordato avanzata dalla difesa con il consenso della Procura Generale e della Procura della Repubblica di Cassino, concedendo all'imputato la riduzione della pena, passata cosi dall'ergastolo ad 24 anni di reclusione.

Cassino, omicidio del piccolo Gabriel Feroleto: la madre vuole lo sconto di pena

Gabriel ucciso a due anni dalla madre, il giudice: «Follia omicida scatenata dai capricci»

Omicidio del piccolo Gabriel Feroleto, i giudici nella sentenza di ergastolo: «Il pade immobile mentre il figlio moriva»

«Ci troviamo davanti alla più grande delle tragedie - ha dichiarato l'avvocato Cardillo Cupo - ed una decisione equa e di giustizia concordata tra accusa e difesa è sicuramente una conclusione matura e ponderata, anche alla luce della condotta contestata all'imputato, responsabile in ipotesi accusatoria di una condotta omissiva. La pena deve sempre tendere alla rieducazione del reo e mai ad una finalita meramente punitiva».

Video

Di tutt'altro avviso gli avvocati di parte civile,  Alberto Scerbo e Giancarlo Corsetti: «A margine della definizione giudiziaria della tristissima vicenda, riteniamo che il fatto sia e resterà, purtroppo e irrimediabilmente, di una gravità inaudita. Del resto, il ricorso al patteggiamento in appello fa parte di uno degli esiti possibili del processo, previsti dalla legge, dunque non ci sorprende. Piuttosto, oggi i nostri assistiti  avrebbero vissuto un altro momento di grande dolore e rammarico se l'imputato avesse continuato a professarsi innocente, nonostante la condanna di primo grado e le inconfutabili prove raccolte a suo carico. Cio' non è stato, e i familiari di Gabriel ne prendono atto con la pacatezza e la fiducia nella giustizia che li ha sempre contraddistinti», gli avvocati di parte civile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA