Duecento lampade a led nelle grotte di Collepardo, nuova luce per il viaggio al centro della terra

Duecento lampade a led nelle grotte di Collepardo, nuova luce per il viaggio al centro della terra
di Annalisa Maggi
3 Minuti di Lettura

E luce nuova sia dentro le Grotte di Collepardo, la Regione Lazio punta sul sito speleologico ciociaro per il rilancio del turismo. Si trovano sul versante meridionale dei Monti Ernici e insieme al Pozzo d'Antullo (anch'esso compreso nel territorio del Comune di Collepardo) e alle Grotte di Pastena costituiscono un unico grande patrimonio naturalistico.

Grazie all'accordo con il Parco Naturale Regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi e i Comuni di Pastena e Collepardo, nel 2019 la Regione Lazio ha rilevato la gestione dei tre siti affidandola alla società regionale LAZIOcrea S.p.a.

Il percorso di valorizzazione, che ha già dato i primi frutti con una crescita dei visitatori nonostante la pandemia, si è arricchito di un tassello importante per vivere un'emozione unica durante i 30 minuti di visita. Da ieri, infatti, è possibile ammirare le Grotte di Collepardo sotto una nuova luce. Grazie a un investimento regionale di 380mila euro sono stati realizzati un progetto di illuminazione e un percorso audioguidato.

Il progetto, messo in opera da Enel X e firmato dalla pluripremiata lighting designer Chiara Carucci di OkiDoki Architects, specialista nel campo dell'illuminazione urbana e dei beni culturali, si basa su un nuovo sistema che riduce l'impatto ambientale garantendo un netto miglioramento a livello di efficientamento energetico, con circa il 95% di consumi in meno rispetto al passato.

Sono stati installati 198 punti luce a led che generano meno calore e hanno una durata di vita maggiore rispetto alle precedenti lampade. Al taglio del nastro, preceduto dalle note al pianoforte del jazzista Danilo Rea, ha partecipato il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. A presentare il progetto c'era Donatela Bianchi presidente di WWF Italia, giornalista, scrittrice e conduttrice televisiva, che ha prestato la sua voce a due audioguide complete, una per i grandi e una dedicata ai più piccoli.


In programma tanti eventi da giugno a settembre. I primi due eventi si terranno in questo fine settimana al Pozzo d'Antullo: oggi è un programma Il fascino delle orchidee selvatiche a cura dell'Associazione Sylvatica, un'esplorazione attraverso le immagini delle orchidee dei Monti Ernici con Bruno Petriglia, florista dell'Ecomuseo Orto del Centauro Chirone di Collepardo e autore del volume Orchidee del Lazio; domani teatro e natura si incontreranno con Le voci e suoni della natura in teatro, a cura di Customade Agency: racconti teatrali con personaggi e temi espirati alla tutela dell'ambiente.
 

Sabato 5 Giugno 2021, 10:05 - Ultimo aggiornamento: 10:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA