Mollicone, la difesa dei Mottola chiede l'assoluzione: «Dai pm accuse prive di logica»

Annamaria, Marco e Franco Mottola
2 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Luglio 2022, 12:44 - Ultimo aggiornamento: 12:48

«Accuse illogiche». In base a questo assunto l'avvocato Francesco Germani ha chiesto l'assoluzione per l'ex maresciallo Franco Mottola, la moglie Annamaria e il figlio Marco accusati dell'omicidio di Serena Mollicone. E' terminata poco fa, davanti alla Corte d'Assise di Cassino, l'arringa difensiva per la famiglia dell'allora comandante della Stazione dei carabinieri di Arce. «Il comportamento dei Mottola alla luce della ricostruzione del pm non è logico.  Erano e sono innocenti e consapevoli che questa Corte non potrà fare altro che ribadire questa verità».

Per l'avvocato Germani l'accusa non ha dimostrato perché il brigadiere Santino Tuzi e l'ex luogotenente Vincenzo Quatrale, ora imputato per concorso in omicidio, avrebbero dovuto corprire l'ex maresciallo. Così come, ha detto il legale, sui «presunti depistaggi non c'è nessuna prova». Mottola, secondo Germani, non avrebbe potuto compierli perché, in un'indagine su un omicidio, eseguiva gli ordini dei propri superiori. 

«Altra nube che ancora non si è dissipata - ha continuato l'avvocato Germani - è che Franco Mottola avrebbe prelevato Guglielmo nell'ora più drammatica per un padre, quello della veglia funebre, e che lo avrebbe fatto attendere per ore. Invece il capitano Trombetti ci dice che è stato lui, su impulso della procura, a far chiamare Guglielmo Mollicone per farlo andare in caserma».

© RIPRODUZIONE RISERVATA