Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Frosinone, Festa della Liberazione in piazza con il piccolo Artiom fuggito dalla guerra in Ucraina

Frosinone, Festa della Liberazione in piazza con il piccolo Artiom fuggito dalla guerra in Ucraina
2 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Aprile 2022, 16:25 - Ultimo aggiornamento: 16:26

La città di Frosinone ha celebrato il 77° anniversario della Liberazione.

Erano presenti autorità civili e militari: il prefetto Ernesto Liguori, il questore Domenico Condello, i rappresentanti dell’Arma, con il comandante provinciale dei carabinieri col. Alfonso Pannone, delle forze di polizia, della guardia di finanza, con il comandante provinciale col. Cosimo Tripoli, della polizia penitenziaria, del 72° Stormo dell’Aeronautica (che ha curato la logistica della manifestazione), con il comandante col. Marco Boveri, dei vigili del fuoco, della Croce Rossa, della polizia locale e provinciale, del gruppo volontari della Protezione civile e delle associazioni combattentistiche. Presenti, inoltre, anche diversi cittadini.

Il corteo, preceduto dalla banda cittadina "Romagnoli", è partito da piazza VI Dicembre per raggiungere piazza della Libertà. Qui era schierato il reparto di formazione e delle rappresentanze. È seguita la deposizione della corona al monumento.

Particolarmente toccante il momento in cui il sindaco Ottaviani ha donato una rosa bianca, simbolo di pace, al piccolo Artiom, un bimbo ucraino fuggito dalla guerra e oggi ospite di una famiglia frusinate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA