Allerta furti a Monte San Giovanni, chiesti maggiori controlli. Il sindaco: in arrivo 19 telecamere

Allerta furti a Monte San Giovanni, chiesti maggiori controlli. Il sindaco: in arrivo 19 telecamere
3 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Dicembre 2021, 08:05 - Ultimo aggiornamento: 25 Dicembre, 11:29

Forzano la persiana ma dietro trovano il muro. Furti in abitazione, cresce l’allarme fra la popolazione a Monte San Giovanni Campano dopo i numerosi episodi che hanno interessato le frazioni, soprattutto Anitrella dove i ladri hanno portato via soldi e oro per circa 4mila euro. I cittadini chiedono maggiori controlli e il sindaco Emiliano Cinelli garantisce che il Comune sta facendo la propria parte: verranno installate le telecamere nei punti sensibili.

Intanto si sospetta che i malviventi possano essere del territorio o comunque dei dilettanti alle prime armi, visto quanto accaduto in via Monterendola, Colle Varone e Colle della Mola, dove sono tornati in azione dopo due settimane esatte, lo stesso giorno della settimana, alla stessa ora e nelle stesse vie. A far pensare che possa trattarsi di dilettanti è quanto accaduto in una delle abitazioni prese di mira l’altra sera in via Monterendola: i ladri si sono arrampicati fino a raggiungere una persiana al primo piano della facciata e, dopo aver impiegato anche del tempo a forzarla, quando l’hanno aperta per passare a manomettere la finestra, con loro grande sorpresa, hanno scoperto che era stata murata e la persiana era stata lasciata soltanto come abbellimento alla facciata. Quindi da lì sono saliti su un balcone, hanno forzato una porta finestra ma nel frattempo il trambusto ha attirato l’attenzione dei proprietari che erano in casa al piano terra. Sono saliti costringendoli a fuggire.

«Un episodio comico in un contesto tragico – spiega uno dei residenti – che lascia pensare possa trattarsi di gente alle prime armi». I cittadini chiedono più sicurezza e maggiori controlli. «Non si riesce più a dormire durante la notte. C’è sempre qualcuno di famiglia che resta sveglio di guardia - racconta un altro cittadino -. Lo stress psicologico è tanto. Già in diverse circostanze sono entrati in casa noncuranti della presenza dei proprietari. Finora sono sempre scappati ma la paura che possa accadere il peggio c’è ed è tanta. Ci sentiamo violati nella nostra intimità, senza contare i danni alle suppellettili».

Il Comune, nel frattempo, sta facendo la propria parte, come spiega lo stesso primo cittadino: «Molto presto verranno installate 19 telecamere nei punti sensibili del territorio, 15 ottenute con un finanziamento regionale e 4 con le casse comunali. Saranno un deterrente contro la microcriminalità e i reati contro il patrimonio e aumenteranno la percezione della sicurezza nei cittadini».

Ma. Pa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA