Pontecorvo, le negano la visita in ambulatorio e muore durante la corsa in ospedale: medico accusato di omissione

Pontecorvo, le negano la visita in ambulatorio e muore durante la corsa in ospedale: medico accusato di omissione
di Vincenzo Caramadre
3 Minuti di Lettura
Sabato 24 Settembre 2022, 09:45 - Ultimo aggiornamento: 13:56


Con una crisi respiratoria va al Presidio ambulatoriale territoriale (Pat), non viene visitata esce e muore per strada. Con quest'accusa un medico rischia il processo per rifiuto di atti d'ufficio. E' la storia che nell'aprile del 2021 vide protagonista, suo malgrado, Luisa Cerato 75enne di Pontecorvo che, in preda ad una crisi respiratoria, si era recata al Casa della Salute della Cittadina Fluviale, dove ha sede il Pat.

La procura di Cassino, nella persona del sostituto procuratore Chiara D'Orefice, al termine delle indagini andate avanti per un anno circa ha chiesto il rinvio a giudizio di un medico, settantenne del sorano (assistito legalmente dall'avvocato Rosangela Coluzzi), in servizio al punto d'intervento per prestazioni non urgenti di Pontecorvo il giorno in cui la donna si recò per una visita. A denunciare l'accaduto ai carabinieri della stazione di Pontecorvo (diretti dal luogotenente Mauro Scappaticci) erano stati i familiari. «C'è stato detto di andare al pronto soccorso di Cassino. Non è stata nemmeno visitata», raccontò una nipote della defunta. «Sappiamo benissimo che il Pat non è un pronto soccorso, ma poteva essere almeno accompagnata da un'ambulanza. Nostra zia è morta all'interno dell'auto con la quale era in procinto di arrivare al Santa Scolastica di Cassino. Vogliamo la verità. Nessuno ce la ridarà, ma ora, con dignità e determinazione, affronteremo l'udienza preliminare, anche perché la Procura ha ricostruito con precisione ogni passaggio di quel terribile giorno».

LA CONTESTAZIONE
Inizialmente l'indagine era partita con l'ipotesi di reato di omicidio colposo, ma poi è stato derubricato in altro reato. Tant'è che il pm D'Orefice contesta al professionista l'omissione e il rifiuto di atti relativo al suo ufficio, in qualità di incaricato di un pubblico servizio. Per la Procura il medico avrebbe violato lo statuto che regola il Pat e che impone di prestare soccorso (nel caso specifico alla donna giunta in condizioni d'insufficienza respiratoria); non avrebbe, inoltre, visitato la donna e infine non avrebbe attivato il servizio di emergenza chiamando il 118 per il trasferimento al pronto soccorso di Cassino, struttura di rifermento del Pat di Pontecorvo e dove poi la donna, invece, è giunta priva di vita perché morta nell'auto della nipote che la stava accompagnando. Tra le parti offese (alcune delle quali assistenti dall'avvocato Manlio Sera) la Procura ha individuato anche l'Asl di Frosinone. L'udienza preliminare verrà aperta il 6 dicembre prossimo al tribunale di Cassino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA