Verso la Poggio-Vallefredda, a sorpresa gareggerà anche La Marra

Verso la Poggio-Vallefredda, a sorpresa gareggerà anche La Marra
3 Minuti di Lettura
Venerdì 25 Giugno 2021, 09:25 - Ultimo aggiornamento: 13:16

Si preannuncia come una edizione da record quella 2021 della Poggio-Vallefredda, prova valida per il Campionato Italiano della Velocità in Salita Motociclistica e per l’Hill Climb European Championship, il campionato continentale riservato alla categoria con la partecipazione di circa trecento piloti tra i quali, clamorosa notizia dell’ultimo minuto, anche l’ex Campione Italiano Superbike, il ferentinate Eddi La Marra.

Insomma tanta carne al fuoco per questa edizione della cronoscalata motociclistica che rappresenta il più importante appuntamento della velocità su strada del centro-sud Italia. Gli organizzatori del MotoClub Franco Mancini 2000, lavorano a questa edizione da mesi ed hanno imbastito una gara che si preannuncia unica, ottenendo dalla Federazione Motociclistica Internazionale il doppio titolo continentale. “Se esistesse un Campionato del Mondo della velocità su strada la Poggio-Vallefredda ne sarebbe una sicura tappa” ha dichiarato alla presentazione della manifestazione il responsabile di settore della FMI, Maurizio Simonetti. Intanto la notizia della partecipazione di Eddi La Marra ha scosso tutto l’ambiente, perché non è cosa consueta, anzi del tutto anomala, che piloti di vertice della velocità su pista accettino di correre nelle particolari condizioni delle gare su strada.

Così non è evidentemente per Eddi La Marra, che ha coraggio da vendere: “Il mio è solo un esperimento, solo per il gusto di provare una gara su strada. Il mio vero obiettivo, prima di appendere il casco al chiodo, è quello di partecipare al Tourist Trophy – spiega il campione ferentinate citando la corsa motociclistica su strada più famosa e pericolosa del mondo, aggiungendo che -, quello di questo fine settimana sarà solo un piccolo assaggio, senza guardare tempi e cronometro, ma solo per vivere in maniera particolare una giornata che poi coincide con il mio 32mo compleanno. Ecco – conclude il campione ciociaro – mi sono fatto un regalo da solo e vado ad Isola del Liri solo per stare un buona compagnia di amici e divertirmi senza alcuna velleità di classifica”.

Sui 2.200 metri del tracciato che dalla stazione di Isola del Liri portano fin sopra la località Vallefredda di Arpino si sfideranno i più forti specialisti della categoria. Altra partecipazione d’eccezione sarà quella di Stefano Caracchi, notissimo pilota del Motomondiale negli anni ’80 e vincitore del Gran Premio delle Nazioni nel 1982 che, convinto dal presidente Williams Alonzi, staccherà la tessera del Motoclub Mancini e parteciperà anche lui alla competizione. Il programma prevede per oggi le verifiche sportive e tecniche. Domani si entrerà già nel vivo della manifestazione con le prove e la GARA 1 e GARA 2 del Campionato Europeo, con le premiazioni alle 18.30. Domenica le gare valide per il titolo tricolore dalle 14.00 in poi.

Al. Bi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA