Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Frosinone, raid vandalico al Free park e alla villa comunale: danneggiati i giochi per i bimbi. L'ira del sindaco

Frosinone, raid vandalico al Free park e alla villa comunale: danneggiati i giochi per i bimbi. L'ira del sindaco
2 Minuti di Lettura
Domenica 14 Agosto 2022, 10:49 - Ultimo aggiornamento: 10:57

«Danneggiare una struttura all’interno delle aree pensate per i più piccoli equivale a privare una bimba o un bimbo del diritto al gioco». Così il sindaco di Frosinone, Riccardo Mastrangeli, ha esternato il proprio biasimo per quanto accaduto nella villa comunale e nell'area verde attrezzata inaugurata pochi mesi fa, lo scorso marzo, in via Cesare Terranova.

«Sono stati vandalizzati e strappati dalla base i giochi per bambini del Free Park» e «per l’ennesima volta anche l’area giochi della villa comunale è stata presa di mira dai vandali, che hanno danneggiato le strutture pensate per lo svago dei più piccoli». A renderlo noto è stato il Comune in una nota.

«L’ufficio manutenzioni è intervenuto immediatamente per mettere in sicurezza l’area danneggiata, mentre la polizia locale sta conducendo le indagini per risalire ai responsabili; già acquisite anche le immagini della videosorveglianza» è stato aggiunto dall'ente.

«Le operazioni di riparazione dei giochi necessiteranno di un costo, per le casse comunali, che si aggira sui 25.000 euro, dal momento che ogni dispositivo che preveda l’utilizzo dei più piccoli è, naturalmente, oggetto di procedure più lunghe e complesse per assicurarne la maggiore sicurezza – ha aggiunto il sindaco -. I giochi danneggiati, infatti, non saranno semplicemente sostituiti, ma dovranno essere ricollocati unitamente alle specifiche superfici antitrauma, eliminando giunture o collegamenti deteriorati o distrutti dai vandali». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA