Provincia, a sorpresa anche Quadrini (Lega) nella squadra di governo. Pompeo punta sul Pnrr: nuove assunzioni

Provincia, a sorpresa anche Quadrini (Lega) nella squadra di governo. Pompeo punta sul Pnrr: nuove assunzioni
di Stefano De Angelis
5 Minuti di Lettura
Mercoledì 26 Gennaio 2022, 06:40 - Ultimo aggiornamento: 29 Gennaio, 17:32

Quattro deleghe al Pd, una al Polo civico, una alla lista “Provincia in Comune”. Fin qui tutto come previsto alla vigilia in seno alla nuova maggioranza dell’ente di piazza Gramsci. A sorpresa, però, il presidente Antonio Pompeo (Pd) coinvolge nell’assetto amministrativo anche un consigliere della Lega. È Gianluca Quadrini, ex FI, che si occuperà di società partecipate, enti e consorzi. Una mossa che in qualche modo sorprende e spiazza il Carroccio. Sul punto lo stesso Pompeo ha spiegato: «Si tratta di un mandato di garanzia, di controllo». Come a voler distinguere quello affidato a Quadrini da quelli pienamente operativi. Era stata proprio la Lega, nei giorni scorsi, a definire praticabile soltanto un incarico di questo tipo per gli esponenti del partito di Salvini, ribadendo allo stesso tempo le distanze dal centrosinistra: «Resteremo all’opposizione».

Ma il ruolo puramente istituzionale è quello conferito all’altro eletto in quota Lega, Luca Zaccari, di Ferentino, nuovo coordinatore dei lavori d’aula, ossia il presidente dell’assise. Quadrini, invece, è nel gruppo dei sette che affiancheranno alla guida Pompeo, che si rafforza ulteriormente. La Lega resta all’opposizione, ma con due dei tre consiglieri approdati a palazzo Iacobucci. Così come resta sui banchi della minoranza Fratelli d’Italia.


LA FUMATA BIANCA
Ieri, dopo incontri e trattative, è nata la squadra del quarto governo provinciale targato Pompeo. «Ancora una volta, per trovare la sintesi, è stato seguito il modello incentrato sul dialogo, sulla condivisione e sulla collaborazione tra tutti i consiglieri e le forze rappresentate - ha spiegato Pompeo -. Le ultime due sono state settimane di confronto per giungere a un’intesa. Non ho trovato forti contrarietà o contrapposizioni, ma, al contrario, una grande disponibilità a collaborare dei partiti e delle liste di riferimento dei consiglieri, in primis del Pd che ha mostrato senso di responsabilità». Pompeo ha aggiunto che, per l’assegnazione delle deleghe, gli altri principi guida sono stati «l’equilibrio dei ruoli, i consensi elettorali e l’unità di intenti nella gestione amministrativa. Sono convinto che il coinvolgimento debba essere il più ampio possibile per gestire, con serenità, le sfide attuali, su tutte quella del Piano nazionale di ripresa e resilienza con i vari bandi per il territorio. Nell’ambito generale i campi d’intervento principali saranno viabilità, scuola e ambiente».

LA SUPERDELEGA A VACANA
L’accelerazione per la composizione del quadro c’è stata la settimana scorsa, quando il vice presidente uscente, Luigi Vacana, si è dichiarato disponibile a rinunciare alla seconda carica chiedendo, però, un riconoscimento di peso per la sua civica, “Provincia in Comune”, in virtù del risultato elettorale conseguito. E Pompeo ha sottolineato questo passaggio politico: «Con Vacana si consolida il percorso già intrapreso. Ha permesso di trovare le giuste soluzioni». E all’ex vice ed ex presidente d’aula è stato assegnato un robusto pacchetto di funzioni con ampi margini di spazio e azione. In sostanza è la superdelega che voleva.

I DELEGATI
Incarichi e ruoli sono stati ufficializzati in mattinata. Ecco il nuovo assetto: Alessandro Cardinali (Polo civico) è stato nominato vicepresidente con delega all’Ambiente. A Luigi Vacana (Provincia in Comune) sono stati affidati Rapporti istituzionali, Attuazione del programma, Bilancio e Servizi culturali; ad Antonella Di Pucchio (Pd) Viabilità e Pari opportunità; a Enrico Pittiglio (Pd) Edilizia scolastica e Programmazione della rete scolastica; ad Alessandro Mosticone (Pd) Pianificazione territoriale provinciale e dei servizi di trasporto; a Gaetano Ranaldi (Pd) Affari generali e Patrimonio; a Gianluca Quadrini (Lega) Controllo di società partecipate, enti e consorzi; a Luca Zaccari (Lega) il Coordinamento dei lavori d’aula.

STRATEGIA E ASSUNZIONI
Il presidente della Provincia, Pompeo, ha mantenuto la delega al Pnrr e proprio sulle opportunità di sviluppo per il territorio legate al Piano nazionale di ripresa e resilienza ha annunciato tre mosse strategiche dell’ente: nuove assunzioni, la nascita di una macrostruttura tecnico-amministrativa e l’attivazione di uno sportello digitale a supporto degli enti locali. «Non possiamo perdere questa sfida. Anzi, dobbiamo essere pronti per vincerla» ha spiegato. D’altronde il Pnrr mette a disposizione risorse milionarie.

Così, con un provvedimento, ha istituito una macrostruttura interna per il Pnrr. Sarà guidata da un dirigente della Provincia e si aggiunge alla cabina di regia del “Team Frosinone Recovery Plan”. Per fornire assistenza ai Comuni nella fase di redazione dei progetti, inoltre, arriveranno rinforzi di personale: saranno assunte, dalla Provincia, figure professionali con contratto a tempo determinato fino al 2026. «In tutto gli ingressi saranno una decina» ha aggiunto il presidente. Nelle prossime settimane, inoltre, partirà uno sportello digitale, un canale dedicato agli Enti locali per comunicare e interagire direttamente con la Provincia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA