Furti notturni in tre villette a San Donato, ladri anche a casa del sindaco

Furti notturni in tre villette a San Donato, ladri anche a casa del sindaco
di Stefano De Angelis
3 Minuti di Lettura
Venerdì 27 Agosto 2021, 09:25 - Ultimo aggiornamento: 23:59

C’era chi dormiva tranquillamente sul letto, chi si trovava sveglio al piano di sotto e chi, invece, non era in casa. Per i soliti ignoti, però, non ha fatto alcuna differenza. Hanno deciso di colpire lo stesso. Sono entrati in azione a tarda sera e, muniti di arnesi, hanno messo a segno tre furti, portando via ori, altri oggetti di valore e un computer. Nel mirino sono finite tre villette, anche quella del sindaco Enrico Pittiglio, situate in viale Guido Massa, a due passi dal centro del paese. Sulle azioni ravvicinate indagano i carabinieri, che hanno effettuato i sopralluoghi nel tentativo di individuare elementi e tracce utili. È accaduto tutto l’altra sera, poco dopo le 23, a San Donato Val di Comino. Sono stati i rispettivi proprietari a scoprire le incursioni furtive e a dare l’allarme.


LE INCURSIONI
Secondo una prima ricostruzione, nella prima abitazione i ladri si sono introdotti dopo aver forzato una finestra. Per farlo avrebbero utilizzato anche un trapano. Una volta dentro, hanno rovistato in più angoli fino a quando sono fuggiti dopo aver trafugato quanto hanno potuto. In quei frangenti gli occupanti della casa sarebbero stati svegliati da alcuni rumori sospetti provenienti dall’esterno, probabilmente quelli causati dagli intrusi che si allontanavano. Da lì è bastato fare una ricognizione all’interno delle mura domestiche per trovare i segni dello scasso. Un secondo colpo, invece, è stato perpetrato nella villetta vicina: i malviventi, a quanto pare utilizzando una scala, sono entrati da una finestra al piano superiore. In quel momento i proprietari si trovavano nelle stanze di sotto e, per questo, non si sono accorti di nulla. Hanno scoperto di essere stati derubati quando nella zona, alle porte del paese, è scattato l’allarme furti. In quest’ultimo caso sono stati portati via diversi oggetti preziosi, come anelli, orecchini e collane. In una camera da letto sono state rinvenute anche tracce di terra, lasciate da chi si è intrufolato indisturbato in quelle stanze. Nella stessa notte, inoltre, è stata presa di mira anche la villetta del sindaco, qualche decina di metri più avanti: qui i soliti ignoti, dopo essere penetrati mentre la famiglia era assente, hanno preso soltanto un computer. Una notte movimentata, dunque, quella vissuta nell’area residenziale che costeggia via Roma. I carabinieri di San Donato hanno eseguito i rilievi e avviato gli accertamenti per cercare di risalire agli autori dei colpi notturni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA