Arce, lo screening anti Covid sugli studenti intercetta 15 positivi

Arce, lo screening anti Covid sugli studenti intercetta 15 positivi
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 19 Gennaio 2022, 17:45 - Ultimo aggiornamento: 20 Gennaio, 00:29

Quindici positivi e un'adesione di circa il 70%. Sono questi i risultati ottenuti dalla campagna di screening sulla popolazione scolastica di Arce. Organizzata dall'amministrazione comunale tramite l'assessorato alla Pubblica istruzione, con la collaborazione dell'Istituto comprensivo di Arce e del Centro diagnostico Arce, si è svolta sabato e domenica scorsi.

«Nelle due giornate sono stati effettuati 410 tamponi rapidi antigenici intercettando 17 positivi. Per i plessi di Arce gli alunni aderenti sono stati 279, mentre 39 quelli del personale scolastico: il bilancio è stato di 15 positivi. Per quelli di Rocca d'Arce: alunni 33, personale scolastico 4, positivi 2. Per i plessi di Colfelice gli alunni sono stati 47, il personale 8 e nessun positivo riscontrato» spiegano dal Comune di Arce.

«Le due giornate dedicate al tracciamento della popolazione scolastica - hanno commentato il sindaco Luigi Germani e l'assessore alla Pubblica istruzione Elisa Santopadre - hanno riscosso una massiccia adesione e ci hanno permesso di riavviare l’attività didattica in presenza con maggiore serenità. Desideriamo ringraziare il dirigente scolastico, i referenti Covid-19 dei vari plessi, il Ceo del Centro diagnostico di Arce Alessandro Vallone, la referente Daniela Proia, gli infermieri e i sanitari, gli agenti della polizia locale e i volontari della Protezione civile per la preziosa collaborazione nella complessa organizzazione logistica».

«Un plauso anche alle famiglie e al personale scolastico per aver aderito convintamente all’iniziativa, dimostrando un forte senso di responsabilità e rispetto per il prossimo. Tutta l'amministrazione comunale - hanno aggiunto Germani e Santopadre - augura una pronta guarigione ai bambini colpiti dal Covid-19, con l’auspicio di poter tornare al più presto alla loro spensierata quotidianità».

«Per quanto riguarda l'organizzazione dello screening va precisato che l'amministrazione comunale, come risulta dalla corrispondenza rilevabile al protocollo civico, ha ricevuto in data 29 dicembre la disponibilità del Centro diagnostico a svolgere lo screening degli studenti ed immediatamente si è attivata per reperire le risorse economiche, adottare gli atti amministrativi necessari e disporre l'organizzazione coordinandosi con la dirigenza dell'istituto scolastico. Non risultano pervenute all'ente - hanno concluso il sindaco e l'assessore - richieste o proposte di screening da parte di consiglieri comunali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA