Rigenerazione urbana a Cassino, oggi il via libera. Covid, stretta contro gli assembramenti

Rigenerazione urbana a Cassino, oggi il via libera. Covid, stretta contro gli assembramenti
3 Minuti di Lettura
Martedì 28 Dicembre 2021, 00:46 - Ultimo aggiornamento: 29 Dicembre, 00:45

Il sindaco di Cassino Enzo Salera è in quarantena a causa del Covid. Lo rende noto la sua segreteria in un comunicato in cui si afferma che «il sindaco è in isolamento fiduciario essendo venuto a contatto con una persona risultata positiva al Covid. Egli parteciperà al Consiglio comunale di oggi, convocato per l’approvazione della Rigenerazione Urbana, in collegamento telematico da casa. Rinviata a data da destinarsi (comunque all’inizio del nuovo anno) la tradizionale relazione sull’attività svolta dall’Amministrazione nel corso di questo 2021». Ed è la prima volta che in un’assise, dalla sua elezione, Salera non sarà presente fisicamente in aula. Ma anche nel passato si contano pochissime assenze, per cause varie, del primo cittadino in un Consiglio comunale ma sempre presente alla relazione di fine anno. Comunque l’assise di oggi, con inizio alle ore 11, sarà condotta da casa da Salera e in aula coordinata dal vice sindaco Francesco Carlino accanto alla presidente Barbara Di Rollo.


I PUNTI
Oggi tre punti importanti riguardanti il nuovo assetto urbanistico. Infatti c’è da approvare il piano della rigenerazione urbana. Tra gli obiettivi del progetto regionale è previsto lo stop al consumo del suolo in periferia al fine di migliorare l’edilizia esistente usufruendo dei benefici di legge. Dopo il via dell’assise, il piano da metà gennaio sarà applicabile: tra le altre cose è previsto l’abbattimento con ricostruzione di immobili degradati o in disuso con eventuale aumento della cubatura fino al 20 per cento. Sarà l’ultima seduta consiliare del 2021. Poi se ne riparlerà a gennaio.

Intanto ieri è stata firmata dal vicesindaco, Francesco Carlino, l’ordinanza che vieta gli assembramenti nelle zone centrali della città e di servire consumazioni se non ai tavoli. L’atto sarà pubblicato all’Albo pretorio online dell’ente. Il vice sindaco Carlino a proposito dice: «Di fronte all’aumento del numero dei contagi e di atteggiamenti poco responsabili di molti, che non tengono conto delle prescrizioni date dal Governo circa i comportamenti da osservare per contenere il diffondersi del Covid, sentite anche le forze dell’ordine, abbiamo ravvisato la necessità, in coerenza con il decreto governativo n. 221 del 24 dicembre, di adottare misure ancora più stringenti nell’esclusivo interesse dei cittadini. Ignorare, infatti, la preoccupante situazione registrata in questi ultimi giorni all’esterno di alcuni bar del centro cittadino sarebbe da parte dell’Amministrazione una poco responsabile condotta. Confidiamo nel senso di responsabilità di ciascuno».

D. To. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA